News 2 min

Super Mario Bros il Film cambia il volto di Donkey Kong, ma c’è un motivo

Donkey Kong è diverso dal solito nel nuovo trailer di Super Mario Bros il Film, ma c'è un motivo e ce lo spiega Shigeru Miyamoto.

Super Mario Bros il Film continua a mostrare alcune scene, personaggi e situazioni, e tra queste c’è Donkey Kong.

Lo scimmione più elegante dei videogiochi, che trovate anche in versione peluche su Amazon, è infatti uno dei personaggi del lungometraggio di Illumination.

Il film, che ha già svelato la sua durata ufficiale, metterà in scena ovviamente tantissimi personaggi e situazioni del Regno dei Funghi.

Molte delle novità sono state mostrate poche ore fa, nel secondo trailer definitivo di Super Mario Bros il Film che, tra gli altri, ci ha fatto vedere proprio Donkey Kong.

Lo scimmione, che al cinema sarà interpretato da Seth Rogen, ha subito quello stesso processo che accade, spesso, a personaggi non realistici quando arrivano al cinema.

Il suo volto è stato infatti modificato rispetto ai modelli poligonali che siamo sempre stati abituati a vedere nei videogiochi. Un procedimento usuale che abbiamo visto molte volte e che, in questo caso, è stato impiegato per un motivo.

Come ha svelato il neo-settantenne Shigeru Miyamoto ai microfoni di IGN US, il cambiamento estetico di Donkey Kong in Super Mario Bros il Film è stato fatto per renderlo più autentico.

«Per questo film, abbiamo colto l’occasione per dargli una personalità comica e un design che ricordasse il personaggio originale», ha spiegato Miyamoto durante l’ultimo Nintendo Direct.

Il designer si riferisce ovviamente alla sua prima apparizione nello storico cabinato del 1981, Jumpman, che ha dato il via alla carriera di Mario.

Una volta tanto, almeno, questa soluzione è stata impiegata per fare un omaggio ai fan e non per un capriccio senza senso.

Nel frattempo Nintendo pare che stia lavorando ad altri progetti multimediali con la neonata Nintendo Pictures, quindi aspettiamoci altri film e show.

Per quanto riguarda Donkey Kong, invece, gli sviluppatori di uno degli ultimi titoli della saga si sono ritrovati a dover odiare quella di Zelda, ma per un motivo preciso anche in questo caso.