News 2 min

Dal Giappone l’idea anti-bagarini: per comprare PS5 bisogna vendere PS4

La curiosa iniziativa di un rivenditore giapponese per combattere i bagarini: ora per poter comprare una PS5 bisogna vendere una PS4.

Da quando sono state lanciate le nuove console, produttori e rivenditori hanno provato ad architettare delle soluzioni che impedissero ai bagarini di mettere le mani sulle poche scorte disponibili, che finiscono di solito rivendute a prezzi astronomici online.

Così, Sony ha provato ad aprire dei canali ufficiali per vendere la sua PS5, ma sempre dal Giappone è arrivata anche una peculiare idea, dopo gli sticker anti bagarino: un rivenditore ha deciso che per provare a comprare PS5 bisogna prima vendergli la propria PS4.

In questo modo, a meno di non avere una PS4 da versare per ogni tentativo di acquisto, i bagarini si terranno alla larga dalla transazione.

PS5 è sempre al centro dei desideri dei bagarini

La notizia viene riferita in Occidente dal sito specializzato PSU, che spiega come la catena di elettronica GEO abbia affisso nei suoi punti vendita dei cartelli volti proprio a spiegare la nuova politica per l’acquisto della console di nuova generazione.

Viene spiegato che, a partire dal 22 agosto, i consumatori possono partecipare alla lotteria per l’acquisto di una PlayStation 5 solo se accettano nella transazione di vendere la loro PS4 usata. Il fenomeno delle lotterie è in voga da qualche tempio in Giappone (anche se è sfociato in rissa) presso diversi rivenditori e non rappresenta di per sé una novità: il premio in palio, per quanto assurdo suoni, è la possibilità di comprare la console.

Inutile dire che le reazioni sono state piuttosto tiepide, dal momento che molti giocatori interessati a comprare PS5 non hanno mai avuto – o non hanno più a disposizione – una PS4. Questo, di fatto, li taglia fuori da qualsiasi chance di portare a casa la nuova nata di casa Sony, almeno presso il rivenditore GEO.

La speranza è che ben presto non servano più misure per contrastare i bagarini, ma quel momento potrebbe essere ancora piuttosto lontano: i problemi di scorte dei semiconduttori, infatti, potrebbero rimanere con noi anche durante il 2023, in una situazione dove nemmeno Amazon riesce ad avere disponibilità della console.

A novembre, PlayStation 5 celebrerà il suo secondo compleanno e, nel bel mezzo della pandemia, non ha mai avuto un momento di disponibilità “normale”. Ciò nonostante, la console sta riuscendo a mettere insieme una importante base installata, secondo i dati ufficiali di Sony.

Se volete orientarvi e capire dove trovare una PS5, potete consultare la nostra guida.