News 2 min

Xbox Game Pass, ex PlayStation scettico: “non ci fai giochi da 120 milioni”

Shawn Layden commenta l'andamento del mercato, con una vena di disappunto

L’ex PlayStation Shawn Layden ha espresso un commento scettico su Xbox Game Pass in un’intervista appena concessa.

Il servizio in abbonamento di Microsoft è in continua ascesa, infilando un mese migliore dell’altro in termini di nuovi ingressi.

La lineup di luglio è ad esempio impressionante, specie se consideriamo che arriva in un mese tipicamente blando per le uscite di videogiochi.

Le sottoscrizioni in genere hanno acquisito sempre più importanza nel gaming, anche sul versante Sony, come dimostrato dal push su PlayStation Plus.

 

Ad un’esplicita domanda su Xbox Game Pass, Layden non ha nascosto il proprio scetticismo sulla possibilità che il servizio comprenda giochi dall’alto tasso qualitativo e dal budget importante come quelli lanciati da PlayStation durante la sua gestione.

«È molto difficile lanciare un gioco da $120 milioni su un servizio in abbonamento che costa $9,99 al mese», ha spiegato a GamesIndustry International l’ex responsabile di SIE Worldwide Studios.

«Dovrai avere 500 milioni di abbonati prima che inizia a recuperare l’investimento.

Questo è perché in questo momento devi avere una posizione in perdita per provare a far crescere quella base.

Ma persino allora, se hai solo 250 milioni di console là fuori, non farai mezzo miliardo di abbonati. Quindi come trovare la quadra? Nessuno lo ha capito ancora».

Chiaramente, Microsoft sta puntando su Xbox Cloud Gaming (xCloud) per arrivare a certe cifre, raggiungendo il mondo del mobile con il gioco in streaming.

Layden ha spiegato che «tutti hanno una soluzione di streaming di qualche tipo. Gran parte di loro è limitata dall’avere una connessione internet decente. E non hanno ancora costruito un modello di business che funzioni».

In effetti, per quanto in crescita, il numero di possessori di una sottoscrizione a Xbox Game Pass è ancora relativamente ridotto, per cui le stime del dirigente, ora in Streamline, non sono da sottovalutare.

Insomma, il parere nei confronti dei servizi in abbonamento non è entusiasta, e va notato come non sia l’unico.

Questo nonostante anche Sony abbia una proposta di gioco sulle nuvole con PlayStation Now, che apre le porte del mondo PlayStation anche agli utenti PC.

Preferite le grandi esclusive PlayStation agli abbonamenti? Date un’occhiata a questo prezzo speciale su Returnal per PS5