News 2 min

Vault è la nuova compagnia Microsoft che assorbirà Bethesda, svela l’UE

L'Unione Europea dà il suo primo giudizio in merito all'operazione

L’affare ZeniMax-Microsoft, che ha tra i principali interessati l’etichetta Bethesda, è ormai giunto alle battute conclusive.

Come tutte le grandi manovre in cui ballano miliardi, l’operazione è soggetta alle valutazioni degli enti che regolano l’antitrust e le norme che vigilano sulla competizione.

Quelle dell’Unione Europea sono particolarmente stringenti, ed è per questo che un giudizio dalla Commissione arriverà non prima di marzo.

Un primo parere è però già arrivato oggi e ha acceso un semaforo verde preliminare, in genere un buon segno per l’acquirente.

Si tratta di passaggi tutt’altro che scontati dal momento che, come segnala VGC, in passato operazioni simili sono state bloccate ad un passo dalle firme – fu il caso piuttosto celebre della fusione di TNT con UPS.

I documenti trapelati dall’UE rivelano come la fase a cui siamo adesso giunti permetta a terze parti di depositare le proprie osservazioni circa l’affare.

Tale fase si concluderà il 15 febbraio, dopodiché la Commissione avrà tutto il tempo per completare il suo iter e deliberare a favore o contro, oppure con la richiesta di alcune modifiche all’accordo in base a quanto stabilito nella sentenza (ci sono state situazion iin cui è stato imposto lo scorporo della compagnia acquisita come conditio sine qua non, ma non dovrebbe essere questo il caso).

Sempre dai documenti filtra inoltre un dettaglio di non poco conto sulla complessa operazione finanziaria.

Microsoft ha infatti creato una nuova compagnia per assorbire l’intera ZeniMax, una sussidiaria che ovviamente finirà sotto il suo controllo.

La sussidiaria si chiamerà Vault e sarà di fatto la realtà che «sarà fusa con e in ZeniMax», lasciando di fatto il cuore del gigante di Redmond “pulsante” per conto proprio.

Electronic Arts ha usato lo stesso espediente per inglobare Codemasters, una manovra da 1.2 miliardi di dollari che sarà conclusa a breve.

In un momento in cui si parla tanto di acquisizioni e fusioni, non è da escludere che Vault venga usata in futuro per altro shopping da parte della compagnia guidata da Satya Nadella.

Soprattutto perché queste acquisizioni, secondo i rumor, dovrebbero toccare di nuovo etichette delle dimensioni di ZeniMax e già nel 2021, non semplicemente gli studi di sviluppo cui siamo stati abituati finora.

Se volete prenotare Xbox Series X per godervi le future opere realizzate da Bethesda (e tutte le altre) vi raccomandiamo di tenere d’occhio la pagina dedicata su Amazon.