News 2 min

Skyrim, com’è invecchiata l’IA? Non bene (e ci sono le prove)

Un comportamento al limite della follia

Le sorprese nascoste in The Elder Scrolls V Skyrim non accennano a diminuire nemmeno a quasi dieci anni dall’uscita, che si tratti di bug, glitch o dettagli rimasti inosservati.

In attesa di un sesto capitolo ancora privo di una finestra di lancio, il quinto episodio continua a essere molto giocato ed è pronto a tornare sul mercato con un’Anniversary Edition attesa per l’11 novembre.

L’avventura del Dovahkiin è sbarcata sulla maggior parte delle piattaforme ed è stata esaustivamente giocata dagli appassionati. Se volete andare oltre, dare una chance a The Forgotten City su Nintendo Switch potrebbe essere un’ottima soluzione.

Il titolo di Bethesda è molto vario e include un gran numero di avversari dalle diverse caratteristiche, tra cui gli iconici Giganti, che rischiano di far fuggire a gambe levate chi li sottovaluta.

È inevitabile che, nonostante l’innegabile qualità, il gioco inizi a mostrare i segni del tempo soprattutto per quanto riguarda l’IA, fattore che non sembra allontanare i giocatori, bensì il contrario.

Sono infatti in molti a esplorare costantemente le fredde lande di Skyrim, e può capitare che qualcuno si imbatta in bug e glitch di ogni genere, con conseguenze spesso esilaranti.

Stavolta i protagonisti dell’evento sono una serie di NPC rimasti “incastrati” sul bordo di una cascata, che hanno dato via a una spassosa gara senza fine.

Potete dare un’occhiata con i vostri occhi a quanto avvenuto durante la partita dell’utente MelonBottle nel video qui sotto, puntualmente apparso su Reddit e segnalato da GameRant:

They’ll get there… from skyrim

Le guardie (ma non solo) sembrano interessate allo scheletro di drago presente sul bordo del fiume, ma nonostante i ripetuti tentativi non riescono a raggiungerlo.

In Skyrim non è inusuale imbattersi in NPC dai comportamenti bizzarri, ma vederne così tanti nello stesso luogo in preda a un atteggiamento assurdo sorprende ancora una volta.

Di anni dal lancio ne sono passati parecchi, ma 1200 mod, 4K e ray tracing bastano per “svecchiare” il titolo e condurlo direttamente nella next-gen.

Un motivo più serio per tornare sul gioco è rappresentato dalle mod: una delle ultime vi permetterà di creare una perfetta banda di compagni.

Gli omaggi e le rivisitazioni degli oggetti più iconici di Skyrim non accennano a diminuire, e una creazione dedicata a Namira vi sorprenderà ancora una volta.

Se avete voglia di scoprire altri titoli del catalogo Bethesda, potete approfittare dell’ottimo prezzo di Fallout 76 su Amazon.