News 2 min

Assassin’s Creed Mirage, Ubisoft «confessa» le vere origini del gioco

Assassin's Creed Mirage avrebbe dovuto essere un DLC, davvero.

Con Assassin’s Creed Mirage il publisher d’oltralpe Ubisoft sembra intenzionato a tornare alle origini del franchise, con somma gioia da parte dei fan storici.

Il nuovo capitolo successivo a Valhalla (trovate la Ragnarok Edition in offerta su Amazon) sarà infatti un ritorno alle atmosfere dei primi capitoli.

Se quindi la saga abbandonerà, perlomeno in parte, l’open world di Valhalla, sono ora emerse altre informazioni circa lo sviluppo di Mirage.

Dopo che Ubisoft ha infatti confermato i dettagli dell’edizione deluxe e del box da collezione di Mirage, emerge la “verità” per quanto riguarda l’idea originale alla base del gioco.

La redazione di Game Rant ha parlato con il direttore creativo di Assassin’s Creed Mirage, Stephane Boudon, passando da argomenti come la ricostruzione di Baghdad, al rispetto dei vecchi giochi e molto altro.

Secondo quanto confermato dallo stesso Boudon, Mirage era originariamente incentrato come una vera e propria espansione di Valhalla.

«Sì, abbiamo inizialmente pensato a Mirage come un DLC di Valhalla, all’epoca era molto diverso», ha spiegato il creative director.

«Quell’idea è rimasta in vita per poche settimane e solo sulla carta, in effetti. Molto presto abbiamo deciso di fare un titolo standalone con un personaggio completamente nuovo, perché abbiamo visto tutto il potenziale di un tale ritorno alle origini. Ed è stato tutto molto veloce».

Considerando che erano in molti a chiedersi che fine avesse fatto il presunto remake del primo Assassin’s Creed, di cui si è vociferato a lungo, Mirage colmerà quel vuoto che i fan storici chiedono da anni.

Ma non solo: nonostante Mirage resti ovviamente il capitolo più ciacchierato del momento, qualcuno ha già pensato di fare paragoni tra il prossimo Assassin’s Creed Codename Red e un’amata esclusiva PlayStation, tanto che i giocatori si sono già scatenati sui social.

Infine, la nostra redazione, messasi in contatto con Ubisoft, ha avuto conferma da un portavoce della compagnia circa un errore legato al gioco d’azzardo presente in Mirage.