News 2 min

Tekken 8 potrebbe rivoluzionare i picchiaduro, grazie ad un brevetto unico

Un nuovo modo per essere accessibile.

Quello dei picchiaduro è uno dei generi più antichi nel mondo dei videogiochi, e Tekken è uno dei capisaldi del genere.

Per molti è stato il crocevia per conoscere il mondo dei giochi di combattimento ad incontri, grazie soprattutto ai primi episodi usciti sulla prima PlayStation.

Insieme a Street Fighter, lo storico ed illustre concorrente di sempre, che ha rappresentato allo stesso modo una leggenda del mondo dei picchiaduro (e ancora oggi lo è).

I due giochi si sarebbero anche dovuti incontrare in un progetto che non è mai venuto alla luce, anche se Tekken x Street Fighter per qualcuno ancora esiste.

Dopo Tekken 7, che ha continuato la sua vita tra alti e bassi grazie anche ai tanti DLC, non ci sono grandi informazioni su quello che potrebbe essere il futuro della saga.

Però è apparso di recente un brevetto, tramite SegmentNext, un sistema che Bandai Namco ha depositato e che userà per i suoi giochi futuro tra cui Tekken 8, che potrebbe rivoluzionare per sempre il genere.

Il grande, e storico, problema dei picchiaduro è infatti l’accessibilità. Dietro alla facciata di button mashing, anche il picchiaduro più semplice ha tantissime cose che i giocatori devono imparare se vogliono diventare bravi. Alcune delle quali sono delle meta-meccaniche di gioco, che gli sviluppatori non inseriscono nei tutorial (che a loro volta sono spesso carenti).

Se un titolo come Guilty Gear Strive è riuscito ad essere il picchiaduro più accessibile della generazione, con un ottimo tutorial, c’è sempre spazio per migliorare, e il brevetto di Bandai Namco servirà proprio a questo.

Tramite questo sistema innovativo, i picchiaduro di Bandai Namco potranno analizzare i comportamenti dei giocatori, e nei tutorial dare suggerimenti personalizzati in base allo stile di gioco. Anche, per esempio, suggerire uno o l’altro personaggio più affine in base alle proprie capacità e punti di forza.

Se un giocatore reagisce troppo lentamente, oppure è troppo frettoloso nell’esecuzione delle combo, il gioco può dare dei suggerimenti ad hoc come fosse un allenatore.

E non solo, perché attraverso l’analisi delle partite dei giocatori professionisti, in un gioco come Tekken 8, gli stessi suggerimenti potranno evolvere con il tempo insieme ai giocatori più esperti che inizieranno a sviscerare nuove dinamiche di gioco e pattern di attacco o difesa.

Un sistema in grado di cambiare definitivamente il genere, e chissà che non possa funzionare anche come Among Us, che qualcuno ha trasformato in un picchiaduro.

Mentre Harada, il creatore di Tekken, ha appeso il pugno d’acciaio al chiodo ed ha aperto un pub.

E per gli appassionati di picchiaduro è imperdibile la nostra classifica dei migliori esponenti del genere, diteci la vostra!

Un picchiadurista come si deve non può privarsi di un arcade stick, come questo della Hori brandizzato Soul Calibur VI che potete trovare su Amazon!