News 2 min

Pubblicità immagina la vita reale con i bug dei videogiochi

Cosa succederebbe se i bug diventassero reali?

Una pubblicità della compagnia di telecomunicazioni americana Verizon ci mostra come sarebbe la vita di tutti i giorni se i bug esistessero davvero.

Non può non venire in mente Cyberpunk 2077, l’action RPG di Cd Projekt sviluppato per un periodo quasi interminabile e successivamente protagonista un lancio pieno di imperfezioni tecniche (specialmente su console old-gen) che hanno causato l’inevitabile disappunto di gran parte della community.

La software house polacca ha cercato di correre ai ripari come possibile e nonostante i problemi è riuscita comunque a garantire un bonus per il board, con una spartizione effettiva di $29.8 milioni.

Alcuni utenti sono riusciti a prendere il titolo con filosofia, trovando nelle numerose imperfezioni di cui il gioco è costellato un motivo in più per proseguire con le loro avventure nella metropoli di Night City.

Adesso, Verizon si è liberamente ispirata al problema dei bug nell’industria videoludica per lanciare una pubblicità del suo servizio 5G (via Game Rant).

Nel video sottostante, intitolato The Reset, potete farvi un’idea di come sarebbe la nostra vita se i bug diventassero realtà:

 

Il regista dell’esilarante spot è Doug Liman, autore, tra gli altri, di The Bourne Identity ed Edge of Tomorrow.

Molti dei bug che avete osservato in The Reset sono chiaramente riferiti a a quelli che avrete riscontrato nella vostra carriera videoludica.

Tra ciclisti che pedalano in aria, alberi che appaiono e scompaiono, animali incastrati in alcuni elementi dello scenario e persone prive di arti e testa, c’è davvero di che divertirsi.

Non mancano fenomeni di lag, svariati pop up e mancati caricamenti delle texture, per la “gioia” di tutti i giocatori (che non faticheranno a cogliere i nessi).

Il filmato si conclude con una caption significativa:

«Non vivere con il lag».

Rimanendo in tema di problemi tecnici, gli utenti ricorderanno indubbiamente un bug di Cyberpunk 2077 emerso qualche settimana fa, con protagonista un NPC sopravvissuto tranquillamente a una decapitazione con tanto di katana.

Per quanto riguarda lo shooter RPG, non mancano le mod. La software house ha rilasciato un tool apposito con il quale molti hanno dato libero sfogo alle loro fantasie: un utente in particolare è riuscito a ripristinare i modelli originali dei personaggi (e alcuni risultano piuttosto diversi).

Se, ispirati dallo spot, vi state chiedendo come sono state le vendite di Cyberpunk 2077 su Google Stadia – una piattaforma di gioco in streaming per la quale avrete bisogno di una buona connessione -, CD Projekt è gia pronta a darvi una risposta in modo non del tutto canonico.

Volete avventurarvi nelle strade di Night City su PS5? Adesso potete farlo acquistando un DualSense su Amazon.