News 2 min

Com’è andato Cyberpunk 2077 su Stadia? CDPR ride (letteralmente)

I ricavi ottenuti dalla piattaforma di Google sono inferiori alle aspettative?

Cyberpunk 2077 ha rappresentato un’esperienza scottante per la critica e per il pubblico. Vittima di un lancio problematico, il gioco è comunque stato in grado di rimanere, nel bene e nel male, sempre presente all’interno del dibattito videoludico.

Reduce da un innegabile successo di vendite e ricavi, l’action RPG di CD Projekt ha affrontato un percorso pieno di ostacoli e la conseguente rincorsa della software house per limitare i danni e offrire agli utenti un’esperienza valida è ancora in corso, con la pubblicazione (più o meno) costante di patch e hotfix.

Sappiamo che il titolo è attualmente in fase di sviluppo per quanto riguarda la sua versione next-gen, e in una conferenza per gli investitori è stata colta l’occasione per parlare di come saranno le versioni per console di nuova generazione, sulle quali il titolo dovrebbe splendere di una nuova luce.

Il gioco, lanciato nel dicembre 2020, fece il suo debutto anche su Google Stadia, mostrando delle prestazioni non indifferenti e la possibilità di scegliere tra due modalità.

Nonostante le vendite registrate da Cyberpunk 2077 siano state più che buone (si parla di circa 14 milioni di copie), la versione che ha registrato i ricavi più deludenti sembrerebbe essere proprio quella su Google Stadia, come riportato da Game Rant.

Durante una conferenza dedicata ai proventi di CD Projekt nell’anno fiscale 2020, Adam Kicinski, CEO della software house di Varsavia, si è trovato a dover rispondere a delle domande sulle performance di vendita del gioco proprio sulla piattaforma di Google.

Kicinski ha reagito con una risata nervosa alla domanda, per poi proseguire con un intervento più esaustivo.

Stando alle sue parole, gli incassi del titolo su Stadia sono stati conteggiati insieme a quelli sulle altre piattaforme, ma «non possono essere paragonate», ad esempio, ai ricavi della versione pubblicata su Steam.

«Questo è tutto quello che posso dire», ha concluso Kicinski, lasciando intendere chiaramente che le vendite su Stadia siano state deludenti, o quantomeno non all’altezza delle aspettative, ma affermando allo stesso tempo le ottime performance di mercato riscontrate su piattaforma PC.

Ciò che ha deluso maggiormente i fan più fedeli del gioco, dopo anni di attesa, è stata indubbiamente la scarsa qualità mostrata nelle versioni old-gen. Sono state numerose le richieste di rimborso, ma quelle effettivamente evase sembrano essere ancora molto poche.

Anche Sony non ha preso bene le critiche ricevute sulla versione PS4, una delle piattaforme sulle quali il gioco era stato inizialmente annunciato nel lontano 2012, e il contenzioso con CD Project è ancora in corso dopo la rimozione del titolo da PlayStation Store.

La software house polacca continua a fornire un necessario e continuativo supporto alla sua ultima fatica ambientata nella distopica megalopoli di Night City.

La patch 1.21 è infatti fresca di pubblicazione e include un gran numero di cambiamenti che mirano a rendere il titolo sempre più giocabile.

Night City vi incuriosisce? Volete immergervi nelle atmosfere torbide di un futuro distopico? Potete farlo approfittando dell’offerta su Amazon di Cyberpunk 2077.