News 2 min

No Man’s Sky, fan scopre la “verità” su un oggetto solo dopo 70 ore

Un fan di No Man's Sky ha scoperto che gli Atlas Pass hanno utilizzi infiniti solo dopo 70 ore.

Uno dei fattori più importanti di No Man’s Sky è sicuramente l’importanza di riuscire a gestire le proprie risorse, che spesso non sono disponibili all’infinito.

Per questo motivo, un fan ha scoperto la «verità» riguardante uno degli oggetti di No Man’s Sky soltanto dopo 70 ore di gioco, in quanto voleva evitare di sprecarne l’utilizzo.

I fan stanno scoprendo in continuazione nuovi segreti esplorando la galassia del titolo di Hello Games: per esempio, esiste un trucco in grado di rendere il mining molto più veloce, anche se è necessario utilizzare la modalità VR.

Un altro appassionato è riuscito a notare un altro dettaglio a livello estetico: esagerando con l’utilizzo di un effetto si può ricreare una bellissima tempesta luminosa.

Un fan di No Man's Sky ha notato un dettaglio solo dopo 70 ore di gioco.

In questo caso, l’utente Reddit Flawn_2020 era convinto che gli Atlas Pass, alcuni degli oggetti più importanti di No Man’s Sky, fossero dei consumabili che andassero conservati.

In poche parole, gli Atlas Pass servono a sbloccare l’accesso a determinate porte o container che potreste trovare girovagando lungo la galassia.

Il fan di No Man’s Sky era dunque convinto che utilizzando un Atlas Pass, questo sarebbe andato perso per sempre e sarebbe stato necessario costruirlo nuovamente.

In realtà, si tratta di oggetti con utilizzi infiniti, essendo appunto considerati fondamentali per il progresso: l’utente ha dunque ammesso che se fosse riuscito a scoprirlo prima, ne avrebbe fatto il crafting molto prima.

I was 70h played when I learned that from NoMansSkyTheGame

Un altro utente è riuscito a consolarlo nei commenti, ammettendo come anche lui fosse arrivato a circa 70 ore di gioco prima di rendersi conto che non fossero davvero dei consumabili.

Dato che i Bypass Chip, che servono ad hackerare i terminali ed hanno una funzione molto simile, sono invece dei consumabili, il dubbio dei fan era comunque lecito, anche se è comunque curioso che siano riusciti a scoprirlo solo dopo aver passato così tante ore all’interno del gioco.

In ogni caso, siamo certi che d’ora in poi riusciranno a stare molto più attenti e a non ripetere nuovamente lo stesso errore, comunque meno serio di chi ha scambiato una sentinella con l’astronave.

Nonostante i tanti miglioramenti apportati negli aggiornamenti, a volte capita di imbattersi in curiosi bug, come quello di un giocatore che è atterrato su una fregata inesistente.

Hello Games ha voluto lasciare ai propri utenti una grande libertà creativa nel modo di giocare No Man’s Sky, tuttavia esiste una buffa mod che Sean Murray non vuole proprio che installiate.

Potete provare No Man’s Sky e tanti altri fantastici giochi grazie ad un abbonamento a Xbox Game Pass, disponibile anche su Amazon.