News 2 min

MultiVersus è inarrestabile, batte anche Elden Ring, Stray e GTA V

MultiVersus continua a fare sfaceli, conquista tantissimi giocatori e tantissime piattaforme, tra cui Steam Deck negli ultimi giorni.

MultiVersus si è rivelato una sorpresa, e nei giorni successivi al lancio sta registrando numeri davvero notevoli.

Il picchiaduro di Warner Bros voleva imporsi su Super Smash Bros Ultimate, che trovate su Amazon, e se non altro è partito col piede giusto.

Già prima dell’avvio della beta pubblica, che è già disponibile, MultiVersus ha generato dei numeri molto impressionanti sulle piattaforme.

Di recente ha confermato il suo successo, volando con scioltezza tra i giochi più amati e giocati di Steam.

E se Multiversus voleva scontrarsi con Smash Bros su Nintendo Switch, ha conquistato almeno una console portatile recente.

Parliamo di Steam Deck dove, come riporta The Gamer, il picchiaduro di Warner Bros è il gioco più giocato dell’ultima settimana.

È la stessa Valve ad aver rivelato che MultiVersus è stato il gioco più giocato su Steam Deck negli ultimi sette giorni, arrivando a scalzare anche dei nomi molto importanti.

Come potete vedere dalla lista, MultiVersus ha scalzato titoli come Elden Ring, Stray e Grand Theft Auto V, che sono stati messi da parte sulla console portatile di Valve.

Con il database di Steam possiamo anche vedere i numeri di questo successo, con una media di quasi 60mila utenti attivi, ed un picco raggiungo di oltre 150mila utenti.

Curiosamente, il picchiaduro non è ancora “verificato” per Steam Deck, ovvero non è stato certificato il funzionamento perfetto da parte di Valve, ma questo non ha comunque fermato i giocatori.

Aiuta sicuramente il fatto che MultiVersus sia free-to-play e che, va detto, per ora si è rivelato un gioco molto divertente e ben fatto.

Anche se, come ogni picchiaduro, non sono mancati dei nerf in questi ultimi giorni, che la community aveva chiesto in questi primi giorni dall’uscita.

Per quanto riguarda gli aggiornamenti futuri, invece, sembra che la prima ondata di contenuti abbia subito un ritardo non indifferente, per la preoccupazione dei giocatori.