News 2 min

Morrowind diventa ancora più grande, con una mod vecchia di 20 anni

Morrowind non smette di essere oggetto del lavoro dei modder, neanche dopo 20 anni e due regioni inedite aggiunte al titolo.

I fan di The Elder Scrolls ricordano sempre Morrowind come uno dei giochi migliori della serie, anche dopo 20 anni.

L’amatissima regione del franchise fantasy è anche in The Elder Scrolls Online, che potete recuperare su Amazon, portando i giocatori a rivivere quelle lande così amate.

E più volte i modder hanno lavorato sul titolo originale, aggiungendo anche una inedita modalità multiplayer mai vista prima.

C’è anche chi sta sviluppando una mod per Morrowind da ben 20 anni. Un lavoro minuzioso di cui vi abbiamo parlato qualche tempo fa e che ora è finalmente arrivata alla fine.

Tamriel Rebuilt, questo il nome dell’ambiziosissima mod, è finalmente realtà.

Come riporta PC Gamer, la mod che mira ad aggiungere l’intera terraferma del mondo di gioco, ambientato sulla grande isola di Vvardenfell, è arrivata alla sua versione finale.

Dopo 20 anni sono state aggiunte due nuove regioni al mondo di gioco: Dominions of Dust e Embers of Empire.

Dominions of Dust è incentrato sul porto commerciale della Casa Hlaalhu di Andothren, che si trova a sud-ovest di Vvardenfell sul Mare Interno. Le terre di confine scarsamente popolate ma pericolose a ovest di Andothren sono contese da Hlaalu e dal loro rivale, Casa Redoran. La regione ospita anche le cime e le valli dei Monti Velothi, un tempo roccaforte dei Dwemer perduti da tempo, mentre il Clan Ishanuran continua le sue vite nomadi nelle Armun Ashlands a sud, un’area devastata dall’eruzione della Montagna Rossa.

Embers of Empire è una revisione completa della sponda occidentale della penisola di Telvanni e include gli ultimi simboli rimasti del potere imperiale in quella che è la regione più ostile di Morrowind: gli insediamenti di Firewatch e Helnim e l’avamposto di Nivalis sull’isola di Althoa, uno dei pochi forti navali sopravvissuti nella regione.

In termini pratici, le due nuove aree aggiungono due nuovi clan Ashlander e un clan di vampiri, più di 200 missioni nuove o rielaborate, il tutto in una massa di terraferma delle dimensioni paragonabili al triplo dell’espansione Bloodmoon, originale di Morrowind.

Un lavoro davvero enorme che, ancora una volta, dimostra il grande affetto dei fan verso Morrowind.

Talmente amato che, sempre grazie ad una mod, qualcuno ha inserito Morrowind anche all’interno di Skyrim, per creare il crossover definitivo tra i giochi più amati.

E non contenti della mappa, c’è chi ha voluto inserire anche delle meccaniche di gioco all’interno di Skyrim, perché giustamente ne aveva poche.