News 2 min

Modern Warfare 2, ci sono brutte notizie per le partite competitive

Call of Duty Modern Warfare 2 è arrivato, e mentre i giocatori stanno aspettando anche le partite competitive... dovranno attendere ancora.

Il lancio di Call of Duty Modern Warfare 2 si è portato dietro la sua dose di problemi, ma è stato comunque un successo anche senza partite competitive.

Il nuovo capitolo della saga di shooter, che potete acquistare anche in versione digitale su Amazon, rimane sempre e comunque tra i videogiochi più attesi dell’anno.

Solo su PlayStation ha già raggiunto un importante traguardo, il primo per quanto riguarda il franchise, che dimostra concretamente il livello di attesa.

E anche in generale Modern Warfare 2 si sta comportando molto bene tanto che, a quanto pare, è uno dei migliori lanci della serie.

La bellezza di giochi come Call of Duty Modern Warfare 2 sta anche nelle partite competitive, almeno per i giocatori che vogliono impegnarsi di più.

Una feature che non era presente al lancio del gioco e che, a quanto pare, tarderà ancora da arrivare.

Come annunciato dalla stessa Treyarch su Twitter, le modalità di gioco competitive arriveranno in Modern Warfare 2 nel 2023.

Le modalità di gioco classificato includeranno più modalità competitive, nuove divisioni e valutazioni delle abilità visibili. Inoltre, ci sarà una classifica che mostrerà i 250 migliori giocatori e ricompense competitive.

Mentre arriveranno altri dettagli in futuro, i giocatori possono ingannare l’attesa con la playlista CDL Moshpit, che sarà pubblicata con l’inizio della stagione 1 fissata per il 16 novembre.

Per chi non vedeva l’ora di scalare le classifiche ci sarà ancora da aspettare quindi, e il 2022 sarà ancora l’anno delle partite “normali”.

Nelle quali, per altro, non è ancora possibile disattivare il cosplay in alcune versioni del gioco. Una feature utile ma che può non piacere a tutti, e in alcune console sarà più facile (nonché possibile) disabilitarla.

Curiosamente l’ultimo episodio del franchsie sta anche rischiando di finire in tribunale, per una feature controversa che è emersa in queste ore che sta facendo discutere.