News 2 min

Metal Gear Solid V: The Phantom Pain, Konami chiude i server a 2 versioni

Konami decide di tagliare i server delle versioni Xbox 360 e PlayStation 3.

Metal Gear Solid V: The Phantom Pain, il videogioco che rappresenta l’eterna diatriba tra i fan di Hideo Kojima e della saga di Metal Gear Solid.

Il più noto franchise del creatore di Death Stranding è forse la saga che rappresenta di più il videogioco, soprattutto nelle sue sfaccettature più varie dal gameplay alla narrativa.

Il capitolo finale della saga è tornato tra le cronache, per così dire, perché citato anche dalla discussa campagna promozionale di Abandoned recentemente.

Un finale che a molti non è piaciuto, come un gruppo di fan che ha deciso di fare un film fan-made per creare una conclusione più degna, a loro dire, di The Phantom Pain.

 

E torniamo a parlare di Metal Gear Solid V: The Phantom Pain in questi giorni perché Konami ha deciso di chiudere i server online di alcune versioni del gioco.

Videogames Chronicle riporta la decisione del publisher nipponico, il quale ha deciso di terminare il supporto ai server delle versioni Xbox 360 e PlayStation 3 del gioco attraverso un comunicato sul sito ufficiale:

«Grazie per aver giocato Metal Gear Solid V: The Phantom Pain. Ci dispiace informare i nostri utenti che i servizi online di Metal Gear Solid V: The Phantom Pain per PlayStation 3 ed Xbox 360 saranno terminati il 31 maggio 2022 dalle 6:00 UTC. [NdR: le otto di mattina]».

Ovviamente sarà possibile giocare il titolo in modalità offline, ma Metal Gear Online non sarà più accessibile sulle piattaforme di vecchia generazione.

Konami ha dichiarato che il procedimento di chiusura dei server sarà graduale. Da oggi non sarà possibile più effettuare microtransazioni sulla piattaforma.

Poi, i DLC di Metal Gear Online non saranno più acquistabili dal 30 novembre in poi. L’ultimo step sarà infine il 1 marzo 2022, quando il gioco non sarà più acquistabile dagli store digitali di PS3 e Xbox 360.

Infine, come detto, l’1 maggio 2022 tutte le funzionalità online di The Phantom Pain saranno interrotte.

Un titolo che non finirà mai di far parlare di sé, e proprio nei giorni scorsi si è scoperto un interessante dettaglio sulla costruzione della famosa scena in macchina tra Snake e Skull Face.

Proprio come l’originale Metal Gear Solid, storico capostipite della saga in 3D, di cui si scoprono nuove animazioni inedite anche dopo 20 anni.

E invece le avete viste le clamorose carte ufficiali di Metal Gear Solid? Esistono e sembrano imperdibili.

Appassionati della saga? Vi consigliamo di recuperare il libro Metal Gear Solid: Un’opera di culto di Hideo Kojima, che trovate su Amazon!