News 2 min

GTA 6, parla Schreier: protagonista donna ed elementi da live service game

GTA 6 continua a far parlare di sé, o meglio tramite Jason Schreier, che racconta Rockstar Games e i progetti futuri dell'azienda.

GTA 6 è attesissimo, a dir poco, nonostante Rockstar Games sia estremamente silenziosa nei confronti del suo nuovo titolo.

Impegnata com’è con GTA Online e l’arrivo della versione PS5 di Grand Theft Auto V (la trovate qui su Amazon ad un ottimo prezzo) ci sarà ancora tempo per vedere un nuovo capitolo.

Che almeno è stato confermato, in maniera molto rapida e sommessa, dalla stessa Rockstar qualche tempo fa.

Il tutto poco dopo l’ennesima indiscrezione riguardo la possibile data di uscita del sesto episodio della serie.

Ma ci pensa il solito Jason Schreier, penna autorevole e ben noto divulgatore videoludico, a scucire qualche informazione su GTA 6 dalle sue solite fonti.

In un lungo report di Bloomberg che racconta di una Rockstar Games rinnovata, più attenta alla salute dei propri dipendenti e con una nuova pipeline di lavoro in grado di consentire a tutti di svolgere al meglio la propria attività, Schreier si lascia andare anche a molte dichiarazioni sul prossimo Grand Theft Auto.

Ritorna di nuovo l’idea, già emersa più volte in passato, per cui GTA 6 includerà per la prima volta una protagonista femminile giocabile.

Secondo persone vicine allo sviluppo viene fuori che la donna sarà latina, e sarà uno dei due personaggi principali in una storia influenzata dai rapinatori di banche in stile Bonnie e Clyde.

GTA 6, il cui nome in codice per ora è Project Americas, è pensato per essere il più grande Grand Theft Auto di sempre.

Il gioco avrà una città principale ispirata a Miami e le aree circostanti, e l’idea è quella di creare un titolo che si possa aggiornare con il tempo con nuove missioni e città su base regolare come accade in un live service game.

Gli analisti del settore prevedono che il prossimo Grand Theft Auto uscirà nell’anno fiscale 2024 di Take-Two, che va da aprile 2023 a marzo 2024, ma gli sviluppatori sono scettici.

Schreier conferma, infatti, il fatto che lo sviluppo di Grand Theft Auto VI sia stato più lento del previsto. In gran parte per ciò ha a che fare con la pandemia, ma anche per alcuni dei cambiamenti che l’azienda ha implementato nel tentativo di migliorare le condizioni di lavoro

Questo report conferma, in effetti, le promesse fatte da Rockstar nel tempo, con l’idea che questo sarà un videogioco mastodontico.

Nel frattempo, qualcuno nel mondo reale sta combattendo l’hype come può: aprendo il ristorante di GTA.