News 2 min

Elden Ring ha ottenuto uno dei record più impressionanti di sempre

Che Elden Ring sia un successo è cosa nota, ma i numeri del soulslike di From Software stanno raggiungendo nuovi record.

Elden Ring è un successo, e di certo non serve una classifica per sapere quanto il pubblico abbia amato l’ultimo titolo di From Software.

È indubbio che il titolo (lo trovate su Amazon), il soulslike dei miracoli, abbia consacrato definitivamente From Software agli occhi dei fan (e non solo).

Negli ultimi mesi è anche diventato il titolo più chiacchierato sui social network del 2022, stando ad una recente analisi.

E tutti i fan sperano di sapere al più presto cosa ci sarà nel futuro di From Software, anche per colpa di un recente leak che ha acceso gli animi.

Nel frattempo Elden Ring sta continuando ad accumulare risultati e record, tra cui l’ultimo che riporta VGC, probabilmente tra i più impressionanti.

L’ultimo soulslike di From Software è ora tra i primi 10 giochi più venduti nella storia del mercato statunitense, tra quelli con il maggior incasso in dollari, stando ai dati rilevati da NPD Group.

Elden Ring è stato il gioco più venduto di giugno e si è piazzato al primo posto in termini di vendite in quattro dei suoi primi cinque mesi dall’uscita.

Secondo gli analisti, il soulslike potrebbe concludere il 2022 come il titolo più venduto in assoluto negli Stati Uniti, continuando di questo passo.

È interessante anche il confronto con Call of Duty, i cui ultimi capitoli hanno visto un crollo nelle vendite, anche se è solo la terza volta dal 2009 che un capitolo della saga di shooter non è in prima posizione.

Elden Ring è stato pubblicato il 25 febbraio 2022 e, al 31 marzo, ha collezionato un totale di 13.4 milioni di unità vendute in tutto il mondo.

E un eventuale DLC potrebbe dare una ulteriore sferzata ad un gioco che è già un successo di suo. Quello che è stato diffuso in questi giorni, però, potrebbe non essere reale.

Anche se Bandai Namco ha confermato di essere stata colpita da un attacco hacker, e che i dati degli utenti sono potenzialmente a rischio.