News 2 min

Call of Duty Warzone, il nuovo record per la partita più breve è imbattibile

Quando tutto va per il verso giusto è impossibile fare di meglio

Mentre i giocatori di Call of Duty Warzone sono impegnati con la Stagione 5 Furiosa, c’è chi ha appena segnato un nuovo record che sarà molto, molto difficile da battere.

Che siate alle prese con il free-to-play o con Modern Warfare poco importa, il tempo in cui il team si è aggiudicato la vittoria vi sbalordirà senza dubbio.

Il gioco non è nuovo a eventi particolari: nei giorni scorsi un giocatore si è imbattuto in un veicolo autopilotato che ha destato l’interesse di buona parte della community per la sua stranezza.

Raven Software e Activision sono sempre pronte a fornire nuovi contenuti, e la promessa non è venuta meno nemmeno per l’ultima stagione, recentemente aggiornatasi con alcune interessanti novità.

Che molti utenti siano inclini a cimentarsi nel raggiungimento di risultati da record non è una novità, ma quanto fatto da un team a Rebirth Island ha davvero dello straordinario.

I match ambientati in questa mappa sono più corti di quelli che hanno luogo a Verdansk, sia perché le dimensioni sono ridotte, sia perché il numero di giocatori è nettamente inferiore (40 contro 150).

Con delle cifre del genere non è del tutto inusuale portare a casa una vittoria in tempi rapidi, ma per “rapidi” si parla comunque di qualche minuto (alcuni dei match più brevi rientrano nel limite dei 4/5).

In questo caso, invece, lo youtuber Novik e il suo team sono riusciti a terminare il match in un solo secondo, come potete notare dal video sottostante (via GameRant):

 

Si tratta di un record effettivamente molto difficile, se non impossibile da battere, anche se la vittoria è stata portata a casa grazie a una serie di circostanze molto favorevoli.

In primo luogo la lobby non si è riempita come avrebbe dovuto, e ha raggiunto un totale di nove persone, di cui quattro appartenenti al team di Novik. Di lì a poco quattro utenti hanno abbandonato il match, lasciandone solo uno a fronteggiare gli avversari, che ha a sua volta deciso di abbandonare la partita.

Il match ha però avuto inizio ugualmente, per concludersi dopo un unico secondo a causa dell’assenza di nemici, lasciando i giocatori increduli davanti alla schermata che ne decretava la vittoria.

Tra i problemi che affliggono Warzone va citato quello dei cheater, puniti da Activision con la negazione dell’accesso alla beta del nuovo Vanguard.

Beta che ha già mostrato qualche difetto nella versione per PS4, facendo temere agli appassionati un nuovo caso Cyberpunk 2077.

Se volete recuperare qualche capitolo della saga che vi è sfuggito vi consigliamo di tenere d’occhio le offerte di Steam, con sconti sul franchise in corso fino al 27 settembre.

Se ne avete abbastanza del free-to-play e volete dirigervi verso altri lidi, potete valutare l’acquisto di Call of Duty Black Ops Cold War al prezzo proposto da Amazon.