News 2 min

Twitch, l’attacco hacker è stato “il più grave possibile” secondo gli esperti

Gli esperti di sicurezza hanno commentato il grave attacco hacker subito da Twitch.

La community di Twitch ieri si è risvegliata con una notizia a dir poco sorprendente: la popolare piattaforma streaming di proprietà di Amazon ha subito un attacco hacker senza precedenti.

Gli utenti che amano commentare le proprie partite con microfono da streaming e pad in mano hanno dunque visto minacciata la propria sicurezza, dato che dall’attacco sono emersi anche dati sensibili.

Oltre 125GB di dati sono infatti stati resi disponibili pubblicamente, evidenziando come fosse stato rubato l’intero codice sorgente di Twitch ed anche dati come i pagamenti effettuati ai creator.

Le maggiori piattaforme del web non se la sono passata bene negli ultimi giorni: ricordiamo infatti che anche Facebook, Instagram e WhatsApp sono rimaste down per diverse ore.

Nelle ultime ore Twitch ha risposto ufficialmente e confermato la gravità dell’attacco hacker, evidenziando però come lo staff stava ancora cercando di comprendere l’entità dell’impatto.

La piattaforma di Amazon ha comunque voluto tranquillizzare gli streamer che «non c’è alcuna indicazione che i dati di login siano stati esposti» e che l’investigazione è ancora in corso.

L’attacco sarebbe stato possibile dopo alcuni cambiamenti alla configurazione dei server, che sarebbero stati sfruttati dai malintenzionati per infiltrarsi e rubare dati.

PC Gamer ha raggruppato le opinioni di diversi esperti di sicurezza sull’argomento: secondo Archie Agarwal di ThreatModeler, nonostante Twitch stia naturalmente cercando di rassicurare i propri utenti, l’attacco subito sarebbe di una gravità inaudita.

«Questo [attacco hacker] è quanto di più grave sarebbe potuto succedere.

La prima domanda che dovrebbe venire in mente deve essere: “Come ha fatto qualcuno ad estrarre 125GB dei dati più sensibili immaginabili senza far scattare nemmeno un allarme?

Ci saranno delle domande molto difficili a cui si dovrà rispondere internamente».

Ian Brownhill sottolinea che questo attacco potrebbe mettere in pericolo non soltanto Twitch, ma anche l’intero sistema di Amazon, dato che il codice sorgente può rendere un’idea ancora più chiara di come sia strutturato tutto il sistema.

Un’idea confermata anche da Jonathan Knudsen di Synopsys Software Integrity Group, che aggiunge come Twitch deve necessariamente «raddoppiare gli sforzi» sulla sicurezza, individuando e fermando il prima possibile tutte le vulnerabilità.

Nonostante la situazione non sia certamente rosea per Twitch, sembra che i dati personali non sarebbero stati coinvolti: per sicurezza, il nostro consiglio resta comunque, alla luce del gravo attacco subito, di cambiare comunque la propria password.

Vedremo quale sarà la reazione della community nei prossimi giorni: considerando che gli streamer avevano iniziato ad allontanarsi per via dei guadagni minori, certamente questo attacco rappresenta un duro colpo alla credibilità della sicurezza.

Nonostante tutto, la popolarità di Twitch è comunque fuori discussione: basti pensare che solamente a marzo sono state totalizzate ben 2,06 miliardi di ore guardate.

Proprio per questo motivo, ci sono tanti giocatori che decidono di iniziare a dedicarsi allo streaming nella speranza di diventare famosi: presto sarà possibile perfino pagare per provarci.

Se siete alla ricerca di una scheda di acquisizione per i vostri streaming, su Amazon potete approfittare di un’imperdibile offerta su Razer Ripsaw HD.