News 2 min

The Last of Us Serie TV, la seconda puntata conferma le origini dell’infezione

La seconda puntata di The Last of Us conferma le teorie dei fan sull'origine dell'infezione.

La serie TV di The Last of Us si sta dimostrando un eccellente adattamento del videogioco, ma proprio per la sua natura è in grado di offrire ai giocatori — e agli spettatori — nuovi approfondimenti grazie a punti di vista originali.

Grazie allo show prodotto da HBO, gli autori possono mostrarci il pericoloso mondo esplorato da Ellie e Joel (trovate The Last of Us Part I su Amazon) da altre prospettive, portandoci a scoprire più da vicino anche i primi momenti dell’infezione.

Dopo aver già confermato nella prima puntata una triste teoria legata all’orologio indossato da Joel, il secondo episodio — attualmente disponibile solo in lingua originale — ha infatti svelato un dettaglio che non è passato inosservato ai fan.

ComicBook riporta infatti che la prima puntata aveva già portato i fan a immaginare teorie sul modo in cui si è sparsa l’infezione nella serie TV, venendo definitivamente confermata dal secondo episodio.

Attenzione: da questo momento seguiranno spoiler sulla seconda puntata della Serie TV di The Last of Us.

La seconda puntata si è aperta infatti con un flashback ambientato a Giacarta, pochi giorni prima che la pandemia per il Cordyceps diventasse ormai virale in tutto il mondo e svelandoci che i primi a mordersi a vicenda sono stati i dipendenti di un’industria di farina.

Proprio la farina sarebbe dunque confermata come la vera origine dell’infezione: la prima puntata ci aveva infatti mostrato Joel e Sarah non mangiare alcun alimento a base di farina, a differenza di molti altri personaggi che sono poi diventati infetti.

Questo spiega anche come mai l’infezione si sia diffusa così velocemente in tutto il mondo e anche come Joel è riuscito, per una fortunata coincidenza, a evitare di rimanerne esposto. Un retroscena sicuramente interessante, dato che nei videogiochi originali non è mai stato approfondito particolarmente il modo in cui l’infezione si è diffusa in così breve tempo.

Chissà se scopriremo ulteriori approfondimenti nel corso delle prossime puntate: ricordiamo che la serie TV di The Last of Us avrà soltanto 9 episodi per una precisa strategia degli autori, ritenendo il numero di appuntamenti giusto per non «chiedere troppo al pubblico».

Le prime puntate hanno già confermato che lo show di HBO è un enorme successo che ha attratto numerosi curiosi, al punto da aver già dato una fortissima spinta alle vendite dei videogiochi originali.