News 2 min

The Last of Us Remake potrebbe essere una delle (poche) gioie del 2022

Il sempreverde Jeff Grubb dà per certa l'uscita di The Last of Us Remake entro la fine dell'anno, per andare a riempire l'anno buio.

Abbiamo assistito ad un sacco di rinvii quest’anno, e in particolare negli ultimi mesi, ma The Last of Us Remake potrebbe avere una data di uscita più vicina del previsto.

Il progetto, non ancora annunciato ufficialmente, è ovviamente un rifacimento del titolo originale di Naughty Dog (lo trovate su Amazon), con tutta la rinnovata potenza della tecnologia odierna.

Tra le prime cose che sono emerse, tra fughe di informazioni e leak, è infatti la considerazione che il titolo sfrutterà a pieno la potenza di PS5.

E The Last of Us Remake potrebbe essere addirittura qualcosa di più, perché potrebbe andare a migliorare anche la storia e il gameplay.

A tornare a parlare del presunto titolo stavolta è l’inossidabile Jeff Grubb, che continua a confermare di saperne molte sul titolo Naughty Dog.

Durante una puntata del podcast di Kinda Funny si parla proprio delle uscite della seconda metà del 2022, tra progetti di vari publisher tra cui The Last of Us Factions e The Last of Us Remake.

A questo punto, nel momento che trovate posizionato nel video qui sotto, Jeff Grubb interviene parlando proprio del remake del capolavoro di Naughty Dog.

 

Mentre si spera che titoli come God of War Ragnarok e Marvel’s Spider-Man 2 possano essere confermati per il 2022, Jeff Grubb afferma:

«Continuo a sentire che [The Last of Us Remake] uscirà quest’anno. Durante le vacanze di fine anno

Il giornalista aggiunge che The Last of Us Part II è uscito ormai molto tempo fa e, sebbene quel comparto artistico era stato assegnato ad Uncharted, alla fine non sono spuntati fuori progetti in tal senso.

Visto che si tratta di una macchina ben oliata, quella di Naughty Dog, è improbabile che non siano al lavoro su niente e, secondo Grubb, il fatto che The Last of Us Remake possa essere pronto per la fine dell’anno può avere senso.

La prima volta che se ne è parlato è stato per via del sempre prolifico Jason Schreier, che dava per vera l’esistenza di questo remake tra i progetti futuri dello studio di sviluppo.

Un anno fa, nella nostra analisi in uno Spaziogames Originals, vi abbiamo anche detto la nostra al riguardo: non è un bel segno per PS5.