News 2 min

Switch OLED, la produzione costa a Nintendo 10 dollari in più

I componenti di Switch OLED costano a Nintendo solo 10 dollari in più.

L’annuncio di Nintendo Switch OLED ha sorpreso i fan della console, dividendo la community tra chi sperava in maggiori novità e da chi è rimasto soddisfatto dall’arrivo del nuovo omonimo schermo.

Il nuovo modello di Nintendo Switch non ha apportato infatti modifiche particolarmente innovative e, secondo un ultimo report, non sembra essere nemmeno costato in maniera eccessiva alla stessa casa di Kyoto, comportando una spesa inferiore alle aspettative.

Anche per questo motivo, Nintendo ha deciso di scoprire fin da subito le carte in tavola, sconsigliandone l’acquisto a chi si aspetta novità che non saranno presenti.

Ricordiamo che la console, naturalmente, avrà un prezzo consigliato leggermente superiore al modello originale, pur tenendo conto del fatto che i bagarini stanno già iniziando a prenderla d’assalto.

 

Un report di Bloomberg (via Nintendo Life) ha svelato nel dettaglio quali sono i componenti che Nintendo ha utilizzato per la produzione di Switch OLED ed i relativi prezzi, rivelando dunque quanto costa esattamente alla casa di Kyoto realizzare la nuova console.

Le novità della nuova Nintendo Switch sono infatti rappresentate dal nuovo schermo OLED di Samsung, valutato con una cifra dai 3 ai 5 dollari per unità e uno spazio d’archiviazione aggiuntivo, valutato circa 3 dollari e 50.

Inoltre, sono presenti altri componenti aggiuntivi che modificano leggermente il design della console, come l’inserimento della porta LAN ed un nuovo stand, che secondo i calcoli dovrebbero costare in totale non più di un paio di dollari.

Questo significherebbe che, in totale, la produzione di Switch OLED costerebbe a Nintendo circa 10 dollari in più su ogni console prodotta.

Bloomberg ha provato a chiedere conferma ad un portavoce dell’azienda se i calcoli da loro effettuati fossero corretti, ma riferiscono che avrebbe rifiutato di commentare la notizia.

L’aumento dei profitti sarebbe particolarmente evidente sul mercato americano, nel quale la nuova console costerà 50 dollari in più rispetto al modello originale.

Il prezzo maggiorato non dovrebbe essere invece sofferto particolarmente nel mercato italiano, dato che Switch OLED avrà una differenza con la console originale di soli 20 euro.

L’analisi dei componenti dimostrerebbe ulteriormente come Nintendo Switch OLED, oltre alle poche gradite novità, continuerebbe a portarsi dietro anche un problema storico.

Non è infatti un caso che anche i primi pareri della stampa hanno voluto sottolineare come il nuovo schermo sia l’unico motivo per cui valga la pena acquistare la console, allineandosi dunque ai commenti di Nintendo.

Nel caso preferiate giocare unicamente in modalità portatile, potete acquistare Nintendo Switch Lite al miglior prezzo su Amazon.