News 2 min

PS5 ha bisogno delle cartelle o no? Neanche i giocatori sanno decidersi

La dashboard di PS5 potrebbe giovarsi dell'inserimento delle cartelle per organizzare meglio i giochi? Al momento la community è spaccata.

Da quando PlayStation 5 è arrivata sul mercato, qualcuno ha evidenziato il fatto che nonostante i grandi passi in avanti fatti dalla dashboard in alcuni termini – uno su tutti, la facilità con cui si accede a PlayStation Store, rispetto al passato – ci fosse un altro passo indietro. Stiamo parlando della possibilità di creare delle cartelle, utili a organizzare e categorizzare i videogiochi installati.

Ora, al di là del fatto che purtroppo l’SSD interno della console non permetta di tenere installati poi così tanti giochi di grandi dimensioni (una criticità che vi evidenziammo fin dal prima dell’esordio della console), sicuramente per molti sarebbe comodo poter organizzare in modo intelligente la propria ludoteca digitale.

La funzionalità, che era stata introdotta nel 2016 su PS4, non è al momento tornata su PlayStation 5 – che in effetti ha avuto bisogno di un po’ di tempo anche per il VRR di cui si parlava da ormai diverso tempo. Ma quanto sono davvero importanti le cartelle per i videogiocatori?

PS5 ha bisogno delle cartelle?

Un curioso sondaggio lanciato dalla community di ResetEra prova a darci una risposta, per quanto su un campione ristretto: nonostante capiti spesso di imbattersi in utenti che, innocentemente, si chiedono come sia possibile creare cartelle su PS5, il 22,8% dei votanti afferma di «non averne mai sentito il bisogno, tanto per cominciare».

Alla domanda del sondaggio, che chiede «avete bisogno delle cartelle su PS5 nella vostra vita?», il 44,6% dei rispondenti ha scelto l’opzione «cartelle, adesso!». Tuttavia, è anche vero che il 32,7% ha dichiarato di volerle, ma non in modo urgente e di non ritenerle quindi una priorità.

Sommando chi non le ritiene un’urgenza a chi è noncurante per il loro arrivo, abbiamo un totale di 55,5% dei rispondenti che può attenderle con calma o a cui la feature non interessa affatto. I restanti, invece, vorrebbero averle quanto prima.

Proprio di recente, anche Nintendo Switch era stata al centro di discussioni simili, quando finalmente la compagnia di Kyoto aveva deciso – a ormai cinque anni dal debutto della console ibrida – di introdurre la possibilità di creare cartelle per poter catalogare in modo preciso i propri videogiochi.

Vedremo se sarà anche il caso di PS5, anche se il feedback arrivato a Sony è probabilmente simile a quanto emerso dal piccolo sondaggio: si tratta di una funzionalità che i giocatori apprezzerebbero, ma senza urgenza.

Nel frattempo, la speranza è che prima di tutto si riescano a risolvere i problemi di scorte (la console è ancora introvabile su rivenditori come Amazon). Secondo Sony dovremmo avere migliorie nei prossimi mesi, in modo che la generazione possa definitivamente premere sull’acceleratore.