News 2 min

Prossimo gioco di Naughty Dog, Druckmann: “è qualcosa di davvero figo”

Neil Druckmann ha svelato che il prossimo progetto su cui Naughty Dog sta lavorando sarà qualcosa che vi rapirà.

Naughty Dog ha salutato la generazione che si è appena conclusa con un canto del cigno chiamato The Last of Us – Parte II. Aveva in effetti fatto lo stesso con la precedente, quando fece arrivare sul mercato The Last of Us: non sorprende, allora, che il fatto che lo studio di proprietà di Sony Interactive Entertainment attiri su di sé grandi attenzioni, nel dire di essere al lavoro su un prossimo progetto, che vedremo ovviamente su PlayStation 5.

Già nelle scorse settimane il team aveva messo le mani avanti, ma in virtù degli annunci pubblicati per assumere nuovi sviluppatori il co-presidente e direttore Neil Druckmann si è espresso per stuzzicare non solo i fan, ma anche gli addetti ai lavori che vorranno candidarsi.

Naughty Dog sta assumendo per un nuovo gioco

In un cinguettio, infatti, Druckmann scrive:

Venite a lavorare con noi! Stiamo realizzando qualcosa di davvero figo!

https://twitter.com/Neil_Druckmann/status/1349862536099753984

Alle sue parole fa seguito una emoji con la bocca cucita, a sottolineare che per il momento non c’è altro che possa essere rivelato. Tuttavia, consultando gli annunci possiamo ricavare qualcosa sul nuovo progetto: per la posizione di video editor, ad esempio, viene specificato che lavorerà al montaggio di trailer per «single player e multiplayer», il che lascia supporre che potremmo trovarci di fronte a un gioco con multigiocatore – ma potrebbe anche trattarsi del multiplayer di The Last of Us – Parte II, ovviamente.

Le posizioni aperte, invece, non ci dicono molto: Naughty Dog sta potenziando il suo organico con praticamente qualsiasi figura – dal concept artist al game designer, passando per la sezione QA, per il designer dell’interfaccia, per i programmatori, produttori e artisti per la realizzazione di animazioni e luci.

Rimaniamo quindi in attesa di scoprire cosa stia bollendo nella pentola della compagnia – che in merito all’ambiente di lavoro purtroppo anche per The Last of Us – Parte II ha fatto molto discutere in virtù dei problemi di crunch. La compagnia è anche impegnata con HBO per l’adattamento a serie TV del suo The Last of Us, mentre nei giorni scorsi si è chiacchierato di un nuovo easter egg (o forse no) scovato all’interno del gioco originale.

Se volete portare a casa The Last of Us – Parte II, approfittate del prezzo di Amazon sul gioco.