News 2 min

La community “riabilita” GTA IV: è migliore di GTA V?

In attesa di GTA 6, una parte della community inizia a riabilitare GTA IV.

Sicuramente è innegabile che GTA V sia stato un successo senza precedenti, non solo a livello di pubblico ma di critica, con numeri mai realizzati nella storia della serie.

In particolar modo bisogna evidenziare la grandissima attenzione che si è guadagnato GTA Online da parte della community, al punto da venire addirittura accusato di essere la causa principale di un potenziale rinvio di GTA 6.

Resta il fatto che, nonostante l’enorme successo, sono ormai passati più di 7 anni dall’uscita del quinto capitolo, e questo ha inevitabilmente aumentato le aspettative per un sesto capitolo — e diminuito la pazienza dei giocatori.

Sta succedendo quindi che una parte della community, a quanto vediamo su Resetera, stufatasi ormai del quinto capitolo e stanca di aspettare, stia iniziando a “riabilitare” GTA IV.

GTA Online è stato un incredibile successo commerciale.

In rete si diffondono infatti sempre di più video comparativi ed argomentazioni dove vengono evidenziati tutti gli aspetti positivi del quarto capitolo, mettendo invece in cattiva luce l’ultimo GTA di Rockstar Games.

Online inoltre è sempre più diffuso il senso di stanchezza manifestato da una buona parte della community quando venne riproposto GTA V per la terza generazione di fila.

Per rendere meglio l’idea di quanto stia accadendo, vogliamo ricordarvi che il quarto capitolo della serie, nonostante sia stato anch’esso un incredibile successo commerciale, non venne particolarmente apprezzato da alcuni giocatori per alcune delle sue meccaniche, tra cui i tanto odiati minigiochi, e per la sensazione che fosse troppo lento da giocare.

Il protagonista di GTA IV, Niko Bellic, immaginato con grafica next-gen.

Sembra però che da qualche settimana le cose stiano iniziando a cambiare: oggi infatti si iniziano a guardare tanti degli aspetti positivi del quarto capitolo della serie, che mostravano una cura per il dettaglio che, secondo i detrattori, pare si sia lentamente persa.

Ad esempio, secondo più di un membro della community Niko Bellic, il protagonista del quarto capitolo, «è più interessante di Michael, Trevor e Franklin messi insieme».

Viene anche evidenziato come, sebbene la fisica di GTA IV fosse più lenta ed ancora imperfetta, l’atmosfera di gioco sembrava puntare di più al realismo rispetto a quanto accade su GTA V grazie a tantissimi piccoli dettagli nascosti nel gioco.

Alcuni esempi riguardano la gestione dei combattimenti a mani nude contro gli NPC ed il modo in cui la polizia reagisce, arrestando anche i personaggi controllati dalla CPU invece di sparare a vista, o il modo in cui essi reagiscono a seconda delle parti del corpo in cui dovessero subire colpi di arma da fuoco, anche in questo molto più realistico su GTA IV.

Ovviamente non manca però chi difende a spada tratta GTA V dalle critiche, sottolineando che «a parte la storia, è superiore in ogni altro aspetto» e su come GTA IV abbia invece «fallito a quasi tutto quello che ha reso San Andreas e Vice City popolari», evidenziando anche l’enorme bontà del già citato GTA Online.

Un dibattito molto interessante da entrambe le parti, che fa comunque riflettere su come giochi più anziani ed a volte “bistrattati” possano tornare di grande attualità da un giorno all’altro.

A sostegno di quanto i fan siano rimasti legati al personaggio storico di GTA IV, Niko Bellic è stato inoltre immaginato, insieme ad altri protagonisti storici della serie, come apparirebbe con una grafica next-gen.

In attesa di saperne di più sul sesto capitolo della serie, impossibile non cogliere l’ironia della rapina subita qualche giorno fa da Rockstar Games, storico sviluppatore della serie.

Se volete provare con i vostri occhi GTA V, approfittate del prezzo del gioco su Amazon.