News 1 min

GTA 6 verrà rinviato? Qualcuno ne è assolutamente certo

Tez2 ha infatti chiarito che secondo lui alcune ripercussioni sullo stato dei lavori saranno inevitabili.

Rockstar Games è stata vittima di un leak di GTA 6, un episodio di una gravità inaudita visto finire online oltre 90 filmati e immagini di gioco.

Questi sembravano essere provenienti da una build interna del sequel di Grand Theft Auto V (trovate l’edizione next-gen in sconto su Amazon).

L’FBI sarebbe già sulle tracce del responsabile, la situazione è di base davvero critica, sebbene Rockstar abbia minimizzato il problema.

Nel comunicato ufficiale rilasciato dalla compagnia, gli sviluppatori confermano il furto di dati, sottolineando però che lo sviluppo proseguirà: ciò però porterà a un ritardo sulla tabella di marcia?

Come riportato su Reddit, tutta la bagarre di questi giorni potrebbe portare Rockstar a rinviare l’uscita di GTA 6, per via di scelte interne all’azienda sicuramente valide.

Via Twitter, l’insider Tez2 ha infatti chiarito che secondo lui alcune ripercussioni sullo stato dei lavori saranno inevitabili.

Nel post, poi rimosso, Tez ha dichiarato che Rockstar ha aggiornato le build QA, incluse anche le ramificazioni relative alla sicurezza di tutti i suoi titoli (GTA V, GTA 6, Max Payne, ecc.), affermando che ciò comporterà alcuni ritardi a breve termine.

Questo è in linea con quanto dichiarato da Rockstar, che aveva detto che il gioco non avrebbe subito ritardi a lungo termine.

L’insider è solitamente vicino all’universo di GTA e della software house statunitense autrice di Red Dead, cosa questa che avvalorerebbe la sua tesi. Staremo a vedere non appena Rockstar deciderà di rilasciare ulteriori informazioni.

Ricordiamo che molti dei filmati trafugati risalirebbero al 2021, trapelati direttamente dal server Slack utilizzato dagli sviluppatori.

Tra le informazioni sensibili, anche il codice sorgente sarebbe stato messo in vendita, cosa questa che renderebbe ancora più grave il leak di queste ore.

Ricordiamo infine che anche il publisher Take-Two Interactive ne ha risentito, visto che le loro azioni sono conseguentemente crollate subito dopo l’evento.