News 2 min

Take-Two riceve un altro «colpo» dopo la fuga di notizie su GTA 6

Il prezzo delle azioni di Take-Two è infatti precipitato di oltre il 6%.

Nelle ultime ore, Rockstar Games è finita al centro di un leak che ha interessato GTA 6, con la compagnia che ha da poco rilasciato un comunicato ufficiale sulla vicenda.

Parliamo di oltre 90 filmati e immagini di gioco provenienti da una build interna del sequel di Grand Theft Auto V (trovate l’edizione next-gen su Amazon), per un danno davvero consistente.

Rockstar si è detta addolorata per l’episodio, nonostante lo sviluppo del gioco proseguirà senza ulteriori intoppi, fino a quando GTA 6 non verrà ufficialmente mostrato al pubblico.

Dopo le prima voci sull’hacker colpevole, è ora arrivata un’altra conferma non proprio piacevole, che riguarda in particolare il publisher di Rockstar, ossia Take-Two Interactive.

Come riportato anche da GameSpot, in seguito alla massiccia fuga di notizie su GTA 6 dello scorso fine settimana, le azioni della società madre di Rockstar Games, Take-Two Interactive, sono crollate all’apertura dei mercati di oggi.

Il prezzo delle azioni di Take-Two è infatti precipitato di oltre il 6% nelle contrattazioni pre-mercato di oggi, 19 settembre 2022, secondo quanto riportato da Reuters.

Il prezzo delle stesse è rimbalzato leggermente dopo l’apertura del mercato alle 9:30 AM ET, ma la somma complessiva delle azioni di Take-Two ha avuto una tendenza al ribasso, scendendo di oltre il 31% da un anno all’altro.

In una dichiarazione rilasciata in seguito alla fuga di notizie su GTA 6, Rockstar Games ha affermato di non prevedere alcuna interruzione delle operazioni di live-service in corso o dei progetti futuri, come appunto il sesto capitolo di GTA.

L’azienda ha dichiarato di aver «sofferto di un problema di rete» che ha portato qualcuno ad accedere e scaricare illegalmente informazioni riservate, tra cui quelle che Rockstar ha dichiarato essere le fasi iniziali dello sviluppo del gioco.

In seguito alla fuga di notizie, gli sviluppatori di tutta l’industria videoludica hanno offerto il loro sostegno agli sviluppatori di Rockstar Games. La società di ricerca Jefferies ha dichiarato in un comunicato che la fuga di notizie su GTA 6 è un «disastro di pubbliche relazioni» che potrebbe ritardare l’uscita del gioco e avere un impatto negativo sul morale di Rockstar Games.

Non si sa però se GTA 6 subirà un ritardo o meno: Rockstar ha dichiarato nel comunicato che non ci dovrebbero essere effetti a lungo termine sui progetti in corso, compreso GTA 6.

In un documento depositato presso il governo statunitense, Take-Two ha dichiarato che: «Gli attuali servizi di Rockstar Games non sono interessati. Abbiamo già preso provvedimenti per isolare e contenere questo incidente. Il lavoro sul gioco continuerà come previsto. Al momento, Rockstar Games non prevede alcuna interruzione dei suoi servizi attuali né alcun effetto a lungo termine sulle sue tempistiche di sviluppo come risultato di questo incidente».

Ricordiamo che molti dei filmati trafugati risalirebbero allo scorso anno, trapelati direttamente dal server Slack utilizzato dagli sviluppatori, cosa questa davvero molto grave.