News 2 min

Elden Ring, è allarme: l’online metterebbe a rischio i vostri dati sensibili

Elden Ring potrebbe subire lo stesso exploit di Dark Souls che mette a rischio i vostri dati sensibili.

Dopo la chiusura temporanea dei server di Dark Souls a causa di un exploit molto pericoloso, i fan autori della scoperta hanno diffuso un’altra pessima notizia: con molta probabilità, se Bandai Namco non interverrà tempestivamente, anche Elden Ring potrebbe presto subire lo stesso identico bug.

Ricordiamo che si tratta di un exploit scoperto nella trilogia di Dark Souls che, se eseguito da malintenzionati sulle versioni PC della serie di FromSoftware, permetterebbe di eseguire codice malevolo sui dispositivi dei giocatori.

Gli sviluppatori avevano risposto disattivando temporaneamente le feature multiplayer su tutti i loro titoli, così da poter investigare e riuscire a trovare una soluzione in tempi rapidi.

Tuttavia, al momento non è ancora chiaro in che modo intenderanno risolvere il problema, né è stata diffusa una data entro la quale i server potranno tornare online.

E stando alle ultime indiscrezioni, presto potremmo rivedere questo fastidioso bug anche su Elden Ring: uno dei fan che ha scoperto l’exploit è stato intervistato da VGC e ha lanciato prontamente l’allarme per l’attesissimo titolo.

L’utente LukeYui ha infatti evidenziato come fosse a conoscenza di alcuni di questi problemi fin dal 2020, ma che nonostante le sue ripetute segnalazioni il publisher, stando alle sue parole, non sarebbe mai intervenuto prima di adesso per risolvere i bug alla radice.

Ma l’aspetto più grave è che, secondo il fan, a causa del metodo con cui è stata sviluppata l’infrastruttura del network online, in Elden Ring potrebbe essere possibile riuscire a ripetere lo stesso bug che ha coinvolto Dark Souls III e gli altri capitoli della trilogia:

«Ho avuto la possibilità di vedere il codice del closed network test e posso già dirvi che ci sono tantissimi crash e vulnerabilità nel netcode di Elden Ring, le stesse identiche di Dark Souls III!

Per questo motivo, sospetto che i cheater avranno bisogno di un massimo di 5 minuti per prendere i loro script di Dark Souls III e importarli su Elden Ring, rendendone il lancio un inferno».

L’utente sostiene che potenzialmente questo bug potrebbe anche essere utilizzato su console e che quindi non sarebbe un problema solo dei giocatori PC, ma non è entrato nei dettagli ed è dunque un’informazione attualmente non confermata.

Ricordiamo in ogni caso che Bandai Namco è attualmente al lavoro per sistemare una volta per tutte gli exploit di Dark Souls, motivo per il quale i server non sono ancora tornati online dal 23 gennaio: naturalmente, l’augurio è che riescano a trovare una soluzione prima del lancio di Elden Ring così da prevenire in anticipo sgradevoli attacchi.

Considerando che l’attesa dei fan è talmente elevata che c’è chi ha deciso di tatuarselo addosso, il nostro consiglio è sicuramente quello di prestare la massima attenzione: vi terremo aggiornati in caso di ulteriori novità sulla vicenda.

Nel frattempo, segnaliamo che se Elden Ring è il vostro primo soulslike c’è una classe che dovreste assolutamente evitare di scegliere.

Manca ormai poco al lancio dell’ultima produzione FromSoftware: su Amazon potete ancora prenotare la Launch Edition di Elden Ring con la Steelbook al miglior prezzo.