News 2 min

Cyberpunk 2077, un’arma iconica adesso esiste davvero (ed è magnifica)

Fare carte false per aggiungerla alla collezione sarebbe assolutamente comprensibile

Cyberpunk 2077 è stato lanciato in forma grezza e ne ha pagato caro il prezzo. Ciò non toglie che i fan del titolo di CD Projekt RED siano ancora numerosi, e uno di loro ha appena dimostrato una notevole vena creativa.

L’action RPG della software house polacca non ha effettivamente mai smesso di ricevere aggiornamenti da parte degli sviluppatori, decisi a renderlo quanto più possibile stabile e giocabile, soprattutto in versione old-gen.

La patch 1.3 è arrivata da poco ma ha già fatto discutere per la reintroduzione di alcuni problemi che il gioco sembrava essersi lasciato alle spalle nel corso dei precedenti update.

Tra le notizie altalenanti che hanno accompagnato il prodotto fin dal lancio ne è spuntata un’altra, che stavolta riguarda una presunta violazione dei diritti da parte di un titolo indipendente.

Mentre CD Projekt prosegue nel suo percorso di ottimizzazione, alcuni fan colpiti dall’estetica del titolo hanno più volte reso omaggio a Cyberpunk 2077 con creazioni di ogni genere.

L’ultima, segnalata anche da GameRant, arriva da ShallowNihilism, un utente di Reddit in possesso di facoltà invidiabili nel campo del design digitale e della stampa 3D.

Avvalsosi dell’aiuto del disegnatore Juri Pranjic, l’abile videogiocatore è infatti riuscito a ricreare alla perfezione Skippy, la pistola parlante che tutti i giocatori ricorderanno come una delle arme più iconiche di Cyberpunk 2077:

Lo splendido esemplare è privo della possibilità di parlare (cosa che avviene nella versione dell’arma ottenibile nel gioco) ma si tratta comunque di una riproduzione degna di plauso.

Questa versione reale di Skippy include anche un meccanismo di scatto del grilletto, solitamente escluso dagli oggetti fan-made a causa della difficoltà nel produrlo e inserirlo adeguatamente.

Tra i dettagli figurano anche il nome del modello e del produttore (HJKE-11 Yukimura) e l’originale scritta “Skippy” visibile sulla canna dell’arma.

La brutta esperienza vissuta dal gioco (che non gli ha comunque impedito di generare dei ricavi degni di nota) è servita da lezione per un altro titolo altrettanto interessante.

D’altro canto sembra esserci chi quella lezione non l’ha ancora imparata (almeno per ora): la beta di Call of Duty Vanguard su PS4 ha portato con sé una serie di problemi evidenti.

Siete a caccia di segreti in quel di Night City? Allora non potete lasciarvi sfuggire un messaggio nascosto dagli sviluppatori in un punto particolarmente impervio.

Se non avete intenzione di perdonare CD Projekt potete fare vostra una Xbox Series S al prezzo proposto da Amazon e dare una chance a The Ascent.