News 2 min

Cyberpunk 2077, un iconico compagno inizialmente era “cattivo”

La personalità di Jackie Welles era inizialmente molto diversa.

La trama di Cyberpunk 2077 ha subito diversi cambiamenti durante la fase di sviluppo: CD Projekt ha recentemente svelato che la personalità di uno dei personaggi più iconici dell’avventura inizialmente era molto diversa rispetto alla versione finale.

Sembra infatti che Jackie Welles, il grande amico del protagonista di Cyberpunk 2077, durante le fasi iniziali era stato pensato per essere un poco di buono che non andava affatto d’accordo con V.

Da pochi giorni è finalmente disponibile la patch 1.3 del titolo, che presenta un changelog lunghissimo e i primi DLC gratis del gioco.

I primi dettagli erano stati anticipati pochi giorni prima, svelando anche un live stream degli sviluppatori che ci ha permesso di scoprire ulteriori novità.

 

Come riportato da TheGamer, durante l’ultimo stream che ha preceduto l’arrivo della patch 1.3, gli sviluppatori hanno infatti avuto modo di approfondire maggiormente la storia dietro Jackie Welles.

Dopo che gli altri partecipanti della live avevano ammesso di aver «sentito storie» riguardanti il personaggio, hanno chiesto al senior quest designer di Cyberpunk 2077, Patrick Mills, di approfondire maggiormente il cambiamento della sua personalità.

Effettivamente, Mills ha ammesso che inizialmente Welles era stato concepito per essere davvero insopportabile e la vera causa dei problemi durante la rapina:

«Prima che facessimo tanti cambiamenti necessari alle conversazioni “da fratelli”, Jackie era in realtà il motivo per cui la rapina è andata a rotoli, perché era un idiota che litigava con te e… era un cretino».

Considerando che nella versione finale dell’RPG di CD Projekt, Jackie Welles è uno dei personaggi a cui è difficile non riuscire a volere bene, questo brusco concept iniziale appare decisamente sorprendente.

Nonostante la curiosità di immaginare come sarebbe stato l’iconico compagno da antagonista, i fan probabilmente saranno sollevati di sapere che alla fine non è stata questa la direzione presa dalla storia.

Una delle mod più popolari di Cyberpunk 2077 ha reso più importante la scelta dei vestiti, aggiungendo statistiche in base al tipo di abbigliamento scelto.

Recentemente questa mod è stata aggiornata per aggiungere ulteriori conseguenze, mettendoci in buona o cattiva luce con gli NPC a seconda dei vestiti scelti.

Le vendite su PlayStation Store di Cyberpunk 2077 hanno subito un forte calo dopo il primo mese dal ritorno ufficiale: chissà se la patch 1.3 riuscirà ad attirare nuovamente l’interesse degli utenti.

Se volete recuperare un altro capolavoro di CD Projekt, non perdetevi l’edizione Game of the Year di The Witcher III Wild Hunt, disponibile al miglior prezzo su Amazon.