News 2 min

Xbox One non sarà stata una gran console, ma può resistere agli incendi

La generazione di Xbox One non è stata chiaramente un grande successo, ma almeno la console può resistere agli incendi a quanto pare.

Xbox One è stato un buco nell’acqua per Microsoft, per una serie di motivi che vanno dal lancio alla gestione delle esclusive.

Una debacle che ha spinto Microsoft, probabilmente, ad accelerare i lavori sull’avvio di Xbox Game Pass, l’amato abbonamento con i giochi gratis a cui potete abbonarvi tramite Amazon.

Il servizio che continua ad offrire giochi gratis ed ha spinto moltissimo la notorietà del marchio, a forza di regalare titoli ogni mese.

Mentre quest’anno Xbox Series X|S hanno già battuto in vendite l’interno ciclo vitale di Xbox One, arriva una notizia sulla console davvero curiosa.

Se Xbox One non è stata una console eccezionale, oggi scopriamo che almeno sembra in grado di resistere ad un incendio.

L’incredibile storia è stata raccontata da Game Rant, riguardo una console Microsoft molto più forte delle altre a quanto pare.

L’utente di Reddit CaseyWrong ha pubblicato un’immagine della sua Xbox One danneggiata dopo un incendio. Nel commento, però, l’utente afferma che la loro casa è andata a fuoco e che la console, salvata dalla stanza in cui era situata, funziona ancora.

House burned down only thing that survived in my room was my xbox from xbox

A prima vista, l’immagine della Xbox One fumosa sembra una console nera solamente sporca, ma controllando meglio è chiaro che in realtà era un modello bianco in origine.

Qualcuno nei commenti, per sdrammatizzare, ha fatto notare che di fatto si tratta di una console in edizione limitata, in un certo senso.

Certo bisognerà vedere per quanto altro tempo funzionerà la console, o se non sia il caso di passare magari alla generazione attuale per CaseyWong.

La stessa Xbox Series X che, durante il Black Friday concluso da pochissimo, ha dominato le vendite con una certa sorpresa generale.

Vendite arrivate in un momento a dir poco turbolento per Microsoft, nella difficile acquisizione di Activision Blizzard che, in compenso, sta ricevendo dei nuovi via libera.