News 2 min

Tutti pensano che il single-player stia morendo, tranne Sony

I giochi single player sono senza futuro? Sony non la pensa così

I giochi online e multiplayer hanno dalla loro un grande vantaggio: possono essere monetizzati per un periodo di tempo più lungo, diventando dei veri e propri “servizi” persistenti per cui i giocatori pagano in cicli che hanno una certa costanza. In questo modo, un singolo gioco può incassare per un intervallo temporale molto più generoso di quanto accade, ad esempio, a un titolo con campagna in single-player che, arrivati ai titoli di coda, esaurisce la sua offerta.

Ecco perché, per molti i giochi single-player sono sulla via del tramonto e stanno morendo. Però, non per Sony.

Un gioco single-player...

La casa madre di PlayStation non ha mai nascosto il suo amore per i titoli in singolo giocatore e, anzi, ne ha fatto uno slogan e una delle punte di diamante della sua offerta, con produzioni come The Last of Us – Parte IIGod of WarGhost of TsushimaHorizon: Zero Dawn, solo per citarne alcuni. Per il futuro, svelano dei documenti emersi in Rete con un leak, Sony è intenzionata a continuare a produrre single-player, perché – contrariamente a quanto si pensi – ha rilevato che i giochi single-player sono fiorenti.

I documenti ottenuti dal sito Vice citano una ricerca condotta proprio da Sony, sulla base della quale emerge che «i giochi in single-player sono prosperi», motivo per cui ci sono delle basi solide dietro l’idea di nuove proposte in singolo, come saranno Horizon: Forbidden West o il futuro prossimo God of War.

... un altro

All’interno degli stessi documenti apprendiamo che Sony aveva anche rilevato delle criticità legate proprio ai single-player, come la paura di incontrare spoiler sui social, la necessità di capire quanto mancasse al raggiungimento di un obiettivo in-game e la difficoltà a riprendere il filo con attività lasciate in sospeso. Come noterete, si tratta di criticità che sono state tutte affrontate nelle schede Attività che abbiamo su PlayStation 5.

Per Sony, insomma, il futuro dei videogiochi è ancora nei single-player e – nonostante il dirigente Jim Ryan stesso abbia spiegato che parliamo di produzioni che hanno costi davvero molto importanti – la compagnia è sicura della loro salute e vuole continuare a produrne di nuovi in futuro.

Se volete portare a casa un single-player firmato da Sony, avete già dato un’occhiata a Ghost of Tsushima o Days Gone?