IL PUNTO 5 min

Starfield: uscita, gameplay, Game Pass e tutto quello che sappiamo

Tutto quello che sappiamo sulla nuovissima IP di Bethesda, Starfield.

Starfield è uno dei videogiochi più attesi degli ultimi anni: annunciato nel lontano 2018, il titolo si è fatto attendere fino all’E3 2021, in occasione del quale Bethesda ne ha finalmente annunciato la data di uscita.

La nuova creazione della casa produttrice statunitense sarà ambientata nello spazio e sfrutterà la potenza del nuovo motore grafico Creation Engine 2.

Sebbene la data di pubblicazione sia ancora abbastanza lontana, sono già parecchie le informazioni in nostro possesso grazie alle quali possiamo farci un’idea più o meno precisa di come sarà il gioco.

Ecco allora tutto quello che sappiamo su Starfield.

Trailer

Il trailer di Starfield è stato mostrato per la prima volta in occasione dell’Xbox and Bethesda Game Showcase dell’E3 2021.

Il video, della durata di poco più di due minuti, mostra un astronauta che si fa strada tra i vari ambienti di una grande astronave in preparazione del decollo.

La scena successiva sposta l’attenzione su un piccolo scaffale che riporta l’etichetta “Stow 84S”, sul quale è appoggiata una valigetta bianca con la scritta “proprietà di Constellation”.

Una voce proveniente dalla radio, che si presenta come un membro dell’organizzazione che porta lo stesso nome, dà il via libera all’astronauta consentendogli di partire.

 

Il filmato prosegue mostrando la partenza della nave, che scopriremo chiamarsi Frontier NG1350: sullo sfondo possiamo notare un grande robot, alcune strutture spaziali e tantissime montagne bianche e brulle.

La voce in sottofondo recita:

«Dicono che la vera meraviglia non sia l’immensità del campo delle stelle, ma che noi siamo stati capaci di misurarlo. Adesso fai parte di Constellation e della nostra famiglia. Ciò che hai trovato è la chiave per sbloccare tutto. Questo è tutto ciò per cui abbiamo lavorato. Siamo giunti all’inizio del viaggio finale dell’umanità. Questo è il motivo per cui siamo qui. Per scoprire cosa c’è là fuori».

Che tipo di gioco sarà Starfield? Gameplay e dettagli

Come riportato da IGN USA, l’attesissima nuova IP di Bethesda, definita dall’autore Todd Howard come uno «Skyrim nello spazio», sarà un action RPG in prima e terza persona.

La managing director Ashley Chang ha invece descritto la nuova avventura come un «simulatore di Han Solo».

Sebbene non sia ancora stato mostrato alcun video gameplay, abbiamo già in nostro possesso parecchie informazioni al riguardo.

Innanzitutto, come riportato sul sito ufficiale di Starfield, il giocatore sarà in grado di «creare qualsiasi personaggio tu voglia e di esplorare il mondo di gioco con una libertà senza pari».

Come rivelato da Todd Howard, chi gioca potrà personalizzare a proprio piacimento l’aspetto fisico e il sesso del protagonista, e addirittura impostare alcuni eventi del suo passato che avranno un forte impatto sullo sviluppo della storia.

L’autore ha inoltre dichiarato di voler riprendere alcuni elementi dei suoi giochi passati in grado di consentire a chi gioca di esprimersi al 100% e di creare un personaggio molto ben caratterizzato.

Al momento non è ancora chiaro a quale gioco nello specifico si riferisca, ma essendo la data di pubblicazione ancora così lontana possiamo presumere che lo scopriremo presto. Oltretutto, sia che si ricada su The Elder Scrolls, sia che si parli di Fallout, gli elementi riguardano probabilmente la possibilità espressiva del giocatore.

Per rimanere in tema con le precedenti IP di Bethesda, sono stati inseriti nel gioco tantissimi NPC umani, alieni e robot con i quali il giocatore potrà interagire.

Tutti gli scenari sono stati infatti concepiti per promuovere l’esplorazione e l’interazione, grazie alle quali chi gioca potrà «testare i limiti imposti dal gioco» e trovare la propria strada rapportandosi con le persone e con gli oggetti.

Il mondo di gioco sarà inoltre molto vasto, proprio per consentire all’utente di immergersi totalmente nell’atmosfera e nell’ambientazione spaziale.

Proprio come succedeva in Skyrim, si potrà decidere di procedere con la trama principale o passare ore e ore a esplorare, completare missioni secondarie o, come suggerito da Howard, semplicemente «godersi il tramonto».

L’ultimo dettaglio reso noto dagli sviluppatori riguarda invece la quantità di scene con dialoghi: secondo quanto dichiarato da Todd Howard in occasione del Tokyo Game Show il gioco offrirà oltre 150.000 linee di dialogo, il doppio rispetto a quelle contate in Skyrim.

Trama e ambientazione di Starfield

Al momento non si hanno informazioni certe riguardo alla trama di Starfield.

Ciò che sappiamo per certo è che il gioco sarà ambientato nell’anno 2330 e che racconterà le imprese di un’organizzazione spaziale chiamata Constellation.

Sebbene questa sia la principale del gioco, durante lo svolgimento della trama il protagonista potrà scegliere di unirsi ad altri gruppi.

Secondo quanto riportato in alcuni video ufficiali sul sito di Starfield, l’avventura sarà ambientata in un’area chiamata The Settled System, che si estende 50 anni luce al di fuori del Sistema Solare.

 

Nel breve filmato il design director di Bethesda Emil Pagliarulo getta le basi della storia raccontando gli eventi accaduti dieci anni prima dell’inizio dell’avventura.

Nel 2310, le due più importanti fazioni del sistema solare chiamate United Colonies (Colonie Unite) e Freestar Collective (Collettivo Freestar) diedero il via alla sanguinaria Guerra delle Colonie.

Tornando al decennio successivo, le due colonie condividono una pace instabile, e il Settled System è un luogo estremamente pericoloso.

In giro per l’universo ci sono infatti tantissime minacce, tra cui un gran numero di mercenari, pirati spaziali e fanatici religiosi.

Il protagonista del gioco sarà una nuova recluta dell’organizzazione Constellation e avrà come obiettivo principale quello di svelare i segreti della galassia partendo all’esplorazione delle zone sconosciute del Settled System.

Al momento sono tre le location di Starfield note: il giocatore potrà infatti esplorare la capitale delle Colonie Unite Nuova Atlantide, la città del piacere di Neon e Akila, la capitale del Collettivo Freestar.

La prima è una vera e propria metropoli che ospita una grande varietà di razze ed etnie, concepita da Emil Pagliarulo come una rappresentazione del mondo futuro.

Neon è invece descritta come «città del piacere», in cui gli abitanti hanno scoperto un particolare tipo di pesce dalle proprietà stupefacenti. Se prima la maggiore fonte di guadagno era la pesca, in tempi moderni lo è diventata questa nuova potentissima droga chiamata Aurora.

La terza e ultima location di cui siamo a conoscenza è Akila, un luogo abitato da una grande varietà di razze che predicano la sacralità della libertà personale e dell’individualità. Al di fuori delle mura che circondano il centro abitato troveremo gli Ashta, dei terribili predatori alieni.

Potete trovare i video ufficiali che mostrano nel dettaglio le tre ambientazioni a questo link.

Todd Howard si è fatto un giro per SpaceX per rendere Starfield più realistico

In occasione dell’E3 2021 Todd Howard ha fatto una chiacchierata con Elon Musk durante la quale ha dichiarato di aver visitato SpaceX.

A quanto pare non si è trattato di una visita di piacere: al contrario, l’autore di Bethesda ha voluto fare un tour della società aerospaziale del famoso imprenditore per rendere più realistica l’ambientazione di Starfield.

Data di uscita di Starfield

Dopo tre anni dall’annuncio di Starfield, finalmente è stata resa nota la data di pubblicazione.

Il gioco uscirà l’11 novembre 2022 su PC e Xbox Series X|S, e sarà disponibile su Game Pass dal day one.

Se non vedete l’ora di mettere le mani sulla prima nuovissima IP di Bethesda da ben 25 anni, eccovi il nostro video con l’analisi completa del trailer pubblicato all’E3 2021.

Non avete ancora giocato a Skyrim? Potete acquistare la Special Edition per PS4 su Amazon a un prezzo molto basso.