News 2 min

La serie di The Last of Us avrà anche le battute del gioco, ma ci saranno scene “davvero differenti”

Ci sono alcune sequenze della serie di The Last of Us che si concederanno delle differenze, perché videogiochi e serie TV non sono la stessa cosa: parla Neil Druckmann

Arrivano dettagli per l’ambiziosa serie TV di The Last of Us in produzione presso HBO – e lo fanno direttamente per bocca di Neil Druckmann, produttore esecutivo e autore della saga videoludica. Intervistato dai colleghi di IGN USA in occasione del SXSW 2021, svoltosi in digitale, l’autore ha spiegato che possiamo aspettarci una narrazione estremamente vicina a quella del gioco, al punto che ci saranno anche delle battute in comune. Tuttavia, ci saranno dei momenti in cui la serie proporrà delle scene sensibilmente diverse da quelle che abbiamo giocato, per adattare la narrazione al medium televisivo.

Druckmann ha confermato per l’ennesima volta che la serie racconterà le vicende del primo gioco e che per questo sarà molto attenta a dipingere Joel ed Ellie in modo coerente ai due personaggi che conosciamo. Nelle parole del producer:

[Io e Craig Mazin, showrunner] abbiamo parlato a lungo del fatto che la stagione 1 sarebbe stata dedicata al primo gioco. […] Per quanto riguarda le questioni più superficiali, come ‘questo personaggio dovrebbe indossare questa stessa t-shirt rossa che aveva nel gioco?’, queste potrebbero esserci o non esserci. Sono cose infinitamente meno importanti del trasmettere il cuore di queste due persone e del loro viaggio.

Joel ed Ellie in The Last of Us

Così, l’autore ha anticipato che ci saranno delle linee di dialogo prese di peso dal gioco e portate all’interno della serie TV, anche se in alcuni momenti ci saranno delle differenze che i videogiocatori si divertiranno a trovare.

Nel dettaglio, Druckmann ha spiegato:

Le cose si mantengono piuttosto vicine [al gioco]. È strano vedere i miei dialoghi lì dai giochi, che arrivano nelle sceneggiature di HBO. A volte si concedono delle grandi deviazioni per fare le cose meglio, perché stiamo lavorando con un medium diverso dal videogioco.

Per citare un esempio, Druckmann ha fatto riferimento a diverse sequenze d’azione che erano state introdotte nel gioco per introdurre l’utente alle meccaniche. «In quel caso ti servono più violenza e più spettacolarità di quante te ne servirebbero in uno show televisivo, perché lì non devi insegnare alle persone a utilizzare una pistola. Questa cosa sarà quindi molto differente – e HBO è stata davvero grande nello spingerci ad allontanarci dall’azione più pura per concentrarci di più sullo sviluppo drammatico del personaggio. Alcuni dei miei episodi preferiti fino a ora hanno deviato tanto dalla storia, non vedo l’ora che possiate vederli

La serie The Last of Us non ha ancora una finestra di lancio su HBO, ma sappiamo che Joel sarà interpretato da Pedro Pascal (Il Trono di SpadeNarcosThe Mandalorian), mentre Ellie sarà interpretata da Bella Ramsey (Il Trono di Spade).

Il secondo videogioco della saga, Parte II, è uscito lo scorso mese di giugno ed è il titolo più premiato nella storia del medium. In occasione della Festa del Papà, abbiamo dedicato una riflessione ad alcuni padri videoludici, con ampio spazio concesso alla figura di Joel e alla sua evoluzione all’interno dell’opera di Naughty Dog.

Se volete vivere il primo gioco in attesa della serie TV, vi raccomandiamo di approfittare del prezzo di Amazon su The Last of Us Remastered.