News 1 min

In USA scarseggiano le copie fisiche di Animal Crossing, Resident Evil 3 e Final Fantasy VII

La situazione in corso negli USA sta avendo un impatto sulle vendite dei videogiochi

Era prevedibile, con la situazione sanitaria in corso che si è abbattuta anche, inevitabilmente, sugli Stati Uniti – e così è stato: in questo momento, sul mercato nordamericano si registra una scarsità di copie fisiche disponibili per i giochi più richiesti, tra cui Animal Crossing: New HorizonsFinal Fantasy VII RemakeResident Evil 3. A causa dell’emergenza, le normali catene di distribuzione (e quelle commerciali) stanno infatti vivendo un momento di stallo, che ha reso difficile rifornire le copie per i consumatori che le richiedono.

Questa, sottolinea l’analista indipendente conosciuto come Benji-Sales, sta avendo «un forte impatto» sulle vendite di tutti e tre i giochi, considerando che non tutti coloro che non possono arrivare a una copia fisica passeranno automaticamente alla copia digitale – e si rischia, quindi, che molti consumatori interessati non acquistino il gioco fino a quando la situazione non sarà sopita (e, se dovesse essere tra diverso tempo, a quel punto il prezzo potrebbe sensatamente prestarsi a dei tagli, che però non farebbero felici i publisher).

La spinosa questione, sottolinea l’analista, fa riflettere sulla decisione del rinvio di The Last of Us – Part II, considerando che Naughty Dog e Sony hanno deciso di farlo slittare proprio per evitare un’uscita solo digitale: «quello slittamento per The Last of Us – Part II sta assumendo senso» commenta Benji-Sales.

Nel frattempo, la situazione tenta di concedersi qualche scampolo di normalità in Italia, con la catena GameStop che si prepara a riaprire alcuni dei suoi punti vendita.

Fonte: Benji-Sales