Pinkerton e Rockstar: pace fatta per Red Dead Redemption 2

Il publisher Take-Two lascia cadere la contro-causa contro Pinkerton per Red Dead Redemption 2: la prima era stata ritirata

By |11/04/2019|Categories: News|Tags: |

Qualche mese fa, avevamo parlato sulle nostre pagine di una causa legale esplosa tra Take-Two Interactive (proprietaria di Rockstar Games) e l’odierna Pinkerton Consulting & Investigations, che aveva deciso di ricorrere alle vie legali per la presenza del suo nome (gli agenti della Pinkerton) all’interno del videogioco Red Dead Redemption 2.

Oltretutto, la Pinkerton lamentava il fatto che i personaggi a lei legati fossero a tutti gli effetti rappresentati come gli antagonisti che perseguitano i protagonisti del gioco: aveva quindi chiesto che la cosa venisse modificata o che, in caso contrario, Rockstar girasse il dovuto per l’utilizzo non acconsentito del suo marchio.

pinkerton red dead redemption 2

La risposta di Take-Two era stata non proprio impressionata, dal momento che il gigante videoludico aveva deciso di muovere istanza contro Pinkerton, facendo notare come, dal suo punto di vista, la compagnia non possa imbracciare il passo per chiedere diritti d’autore di cui non dispone.

Scopriamo oggi che Take-Two ha lasciato decadere la sua istanza legale. Quando interpellata in merito all’abbandono della causa, la compagnia statunitense ha dichiarato con una nota ufficiale:

Take-Two è in grado di confermare che, allo stato attuale, Pinkerton Consulting & Investigation ha ritirato le sue accuse contro Red Dead Redemption 2. Pertanto, Take-Two non proseguirà con le sue azioni legali nei confronti di Pinkerton. Red Dead Redemption 2 è un lavoro di finzione ambientato alla fine del 1800 che fa riferimento ad alcune entità storiche che erano attive in quel periodo.

A quanto emerge, insomma, Pinkerton ha lasciato decadere per prima le sue accuse, motivo per cui Take-Two ha deciso di non portare avanti la causa.

Red Dead Redemption 2 è attualmente disponibile su PS4 e Xbox One. Nei giorni scorsi, si erano diffusi dei rumor secondo i quali il gioco fosse in arrivo su Epic Games Store su PC, ma si sono rivelati l’opera di qualche annoiato burlone.

Fonte: GamesIndustry.biz