News 2 min

Il film di Gran Turismo ha già un «problema», e qualcuno se n’è accorto

Il creatore della serie racing di Gran Turismo, Kazunori Yamauchi, ha fatto notare che il logo del film è decisamente sbagliato.

Da mesi è noto che un film dedicato a Gran Turismo è in dirittura d’arrivo, sebbene a quanto pare qualcuno si sarebbe già accorto di un primo errore che farà storcere il naso ai fan più irriducibili.

Il settimo capitolo della serie racing (che potete trovare in offerta su Amazon) ha fatto sì che Sony spingesse molto su questo nuovo progetto live-action.

La trama del film, basata su una storia vera, vedrà infatti in prima fila un buon numero di attori di rilievo, sebbene a quanto pare il problema ora è da ricercarsi altrove.

Difatti, tra un’aggiunta nel cast e l’altra, ora è proprio il creatore della serie Kazunori Yamauchi a far notare che il logo del film è decisamente sbagliato.

Sony Pictures ha infatti dato il via alle riprese del film di Gran Turismo: dopo aver confermato via social l’inizio dei lavori, Yamauchi-san ha però fatto notare un dettaglio decisamente fuori posto.

Da quello che è possibile vedere nella foto, il logo di Gran Turismo presente sul ciak è sbagliato. Oltre a l’assenza dell’iconica e inconfondibile scritta ‘The Real Driving Simulator’, oltre al colore errato della coda della lettera ‘G’, che sul ciak rossa anziché blu.

«Le riprese del film di Gran Turismo procedono senza problemi. Il logo però è leggermente sbagliato. Uscirà ad agosto del prossimo anno», ha scritto Kaz sul suo profilo Twitter.

Nonostante questa piccola svista, il film di Gran Turismo si preannuncia come uno dei prossimi grandi adattamenti cinematografici tratti da un videogioco, visto che le riprese del progetto sono già iniziate e il debutto è previsto per l’11 agosto 2023.

La storia sarà incentrata sui successi di Archie Madekwe, le cui abilità di giocatore di titoli racing simulativi gli hanno permesso di vincere vari tornei e di ottenere un ruolo come pilota professionista.

Nel cast del film figura anche David Harbour, oltre a Orlando Bloom, Djimon Hounsou e Geri Halliwell, mentre alla regia troviamo Neill Blomkamp (District 9 ed Elysium).