Recensione 3 min

DiRT Rally 2.0: Game of the Year Edition: alla guida un anno dopo – Recensione

Com'è l'edizione GOTY del titolo dedicato al rally?

Eccoci a un anno di distanza, nuovamente con i piedi poggiati sui pedali di DiRT RALLY 2.0: Game of the Year Edition, titolo rally di casa Codemasters che abbiamo testato su Xbox One.

DiRT Rally 2.0: Game of the Year Edition

Piattaforma:
PC, PS4, XONE
Genere:
simulazione
Data di uscita:
26 Febbraio 2019
Sviluppatore:
Codemasters,Codemasters
Distributore:
Codemasters

Sicuramente tutti i fan più accaniti avranno già spolpato il gioco dalle sue prime battute, ma questo non significa che la ripresa perda di valore, anzi tutt’altro. Sicuramente questa è l’occasione, per tutti coloro che non lo hanno ancora provato, di mettere le mani sulla release definitiva di un gioco che ha certamente segnato il mondo della simulazione rally. Parliamo di un prodotto che, infatti, offre un modello di guida assolutamente appagante e (ora anche di più) moltissimi contenuti. È quindi da considerarsi uno dei migliori, anzi, il miglior gioco di rally sul mercato – e vi spieghiamo subito perché.

Una marcia in più

Come già detto, un anno fa abbiamo messo le mani su DiRT Rally 2.0, per questo non vogliamo dilungarci troppo sui suoi aspetti di base. Per avere un’idea chiara delle sue fondamenta vi basterà leggere la nostra passata recensione (qui anche nella versione PC). Quello che vogliamo sottolineare ora è tutto ciò che di nuovo questa edizione può offrire.

L’aspetto più negativo, al lancio di DiRT Rally 2.0, era da attribuire alla riduzione di contenuti. Non che il gioco non ne avesse, ma gli utenti si aspettavano certamente qualcosa in più. Il piano della Codemasters, invece, è stato quello di lanciare una versione base con il minimo indispensabile, per poi ampliare la raccolta con una serie di DLC.

Con le quattro stagioni aggiuntive, infatti, il titolo ha preso la forma che ci saremmo aspettati al via. Naturalmente con DiRT Rally 2.0: Game of the Year Edition ciò di sicuro non accade, poiché questa versione raggruppa tutti i contenuti extra e ne aggiunge anche uno nuovo: l’espansione Colin McRae Flat Out. Inoltre la novità per tutti i possessori del titolo originale con almeno uno dei DLC usciti nel corso dell’anno è che questo pacchetto sarà completamente gratuito. Chi, invece, possiede solo DiRT Rally 2.0 potrà acquistare a parte questa nuova espansione.

Dunque con DiRT Rally 2.0: Game of the Year Edition non avremo nessuna vera e propria miglioria al sistema di guida o al motore grafico, ma certamente avremo moltissimi nuovi contenuti che ci allieteranno nell’attesa di un prossimo capitolo.

Colin McRae: Flat Out, pronti a farci catturare dai tracciati scozzesi

Con il pacchetto Colin McRae: Flat Out, DiRT Rally 2.0: Game of the Year Edition introduce un totale di 81 nuove auto, 26 nuove ambientazioni e 12 percorsi. A questo naturalmente dobbiamo aggiungere tutto ciò che è presente nella versione base e nelle successive stagioni, per arrivare quindi a una mole di contenuti decisamente sopra le aspettative.

Dunque questo DLC, che è la vera e propria novità di DiRT Rally 2.0, ci catapulta in Scozia per seguire tutte le fasi della carriera del famoso pilota di rally che ha segnato una generazione. Colin McRae è infatti una pietra miliare del mondo delle corse automobilistiche e siamo abbastanza sicuri che tutti ne abbiano un ricordo. I fan, in particolare, ricorderanno la sua strabiliante carriera che lo ha portato, nel 1995, ad ottenere il titolo di Campione WRC (pilota più giovane ad averlo conseguito, all’età di 27 anni). Alcuni ricorderanno inoltre tutti i giochi dedicati al grande pilota, partendo dal lontano 1998 con il primo Colin McRae Rally, realizzato sempre dalla buona Codemasters. La serie poi è andata avanti negli anni, fino a tramutarsi, appunto, in DiRT Rally.

Grazie alla nuova espansione, in DiRT Rally 2.0: Game of the Year Edition, avremo la possibilità di ripercorrere tutte le tappe più importanti che hanno segnato la storia del rally – e lo faremo grazie all’introduzione di 40 scenari.
Flat Out introduce l’inedita ambientazione Perth and Kinross, in Scozia, che è la casa di McRae: è qui che il giovane Colin semina le basi della sua avvincente carriera. A partire da qui, rivivremo quindi tutte le sue imprese maggiori, partendo dalla guida della Mini, fino ad arrivare alle gare in Subaru Impreza. Il DLC, tra le altre cose, introduce anche la famosissima auto nelle versioni inedite S4 Rally e Legacy SR.

+ Tantissimi contenuti offerti
+ Sfida appagante
– Motore grafico che sente il peso degli anni

8.7

DiRT Rally 2.0: Game of the Year Edition è un gioco da avere assolutamente nella propria libreria. La quantità di contenuti offerti è strabiliante e vale la pena di essere giocata, soprattutto da chi non lo ha acquistato in precedenza. Per i giocatori del Day One, invece, l’espansione è da provare, non solo perché introduce nuovi percorsi, ma perché tutte le tappe inserite sono un vero e proprio pezzo di storia che non deve mancare agli appassionati.
Attualmente DiRT Rally 2.0 è il miglior titolo di rally presente sul mercato, anche se, con il passare del tempo, il suo motore grafico inizia a sentire il peso degli anni.