News 2 min

Bethesda ai fan PS5: “Xbox è la nuova era del gaming”

Bethesda contro utenti PS5: nuovo round.

Bethesda è stata l’assoluta protagonista di una delle manovre di mercato più imponenti della storia dei videogiochi, quella che l’ha portata all’interno di Microsoft in esclusiva.

Creando anche dei paradossi molto particolari, perché Deathloop è un prodotto Bethesda ma uscirà in esclusiva console su PlayStation 5 e PC.

Quando l’azienda salutò la casa di Sony, in un certo senso, dichiarò di essere pronta a fare giochi migliori sotto la guida di Microsoft, facendo infuriare tutti i fan PlayStation.

Un progetto, quello dell’acquisizione, che non si è svolto all’improvviso ma per cui la casa di Redmond ha lavorato per tanti anni prima di portarlo a termine.

Una mossa che ha portato problemi alla software house che si è ritrovata una folla di fan inferociti, quelli PlayStation, privati dei futuri giochi della compagnia. E ancora una volta Pete Hines si dichiara assolutamente fiero della scelta, invitando i giocatori PS5 a farsene una ragione.

Da un’intervista di Hines registrata alla Gamescom da parte di Gamespot, l’uomo di Bethesda ha rilasciato diverse dichiarazioni molto interessanti sulla manovra che ha coinvolto l’azienda, nonché il suo futuro.

Hines ha parlato di Starfield, e di come per assurdo la sua apparizione potrebbe non essere impossibile su piattaforme PlayStation:

«Starfield, è stato annunciato come un’esclusiva Xbox. Non so se sarei così audace nel dire che avete finito di giocare roba su PlayStation. Ma di nuovo, non ho questa risposta al momento».

Un punto molto interessante della lunga intervista riguarda proprio il futuro e le possibilità fornite dal cloud gaming. In buona sostanza l’idea che i videogiochi non siano più legati ad una piattaforma, ma che possano essere giocati da tutti in modi diversi.

Pete Hines si è dichiarato un grande fan della filosofia di Phil Spencer, l’idea di oltrepassare il concetto di console e guardare al fornire dei servizi all’utente, che è la forza del Game Pass per esempio:

«Tutto il concetto di essere una cosa Xbox o una cosa PlayStation, non dico che sia superato, ma che fa tanto anni 90-2000. È una nuova era del gaming […] per questo sono così emozionato da Xbox, perché ci stiamo allontanando da tutto questo».

Insomma, un altro messaggio molto chiaro ai fan PS5, che a quanto pare dovranno farsene una ragione e accettare il nuovo corso degli eventi: Bethesda non si sente in colpa.

All’epoca fece eco anche Microsoft che, comprensibilmente, disse molto chiaramente di essere fiera dell’accordo ottenuto e di non sentirsi in colpa verso l’utenza PS5.

Della vicenda ve ne parlammo anche in un articolo del nostro Paolo Sirio, dal titolo molto perentorio: “Bethesda non deve chiedere scusa a nessuno”.

Vi sentite abbandonati da Bethesda? Potete recuperare uno degli ultimi titoli della compagnia: Doom Eternal in versione PS4 su Amazon!