News 2 min

Assassin’s Creed Valhalla si aggiorna: ecco cosa cambia

L'aggiornamento 1.5.3 è disponibile da oggi.

Assassin’s Creed Valhalla è la produzione Ubisoft che sta tenendo banco più di ogni altra in queste settimane, tanto che non stupisce l’arrivo di un nuovo aggiornamento.

Il rilascio dell’imponente DLC L’Alba del Ragnarok (che potete acquistare in bundle su Amazon) ha sicuramente permesso a Valhalla di ricevere un’ulteriore spinta.

Già gli ultimi aggiornamenti e patch hanno dimostrato che l’avventura di Eivor ha ancora molto – anzi, moltissimo – da dire.

Solo ieri vi abbiamo reso noto che un nuovo update era in arrivo, tanto che ora il publisher d’oltralpe lo ha rilasciato con il suo carico di novità.

Come riportato anche da Push Square, l’ultima patch per Assassin’s Creed Valhalla – ossia l’aggiornamento 1.5.3 – può essere scaricato a partire da ora.

Il peso della patch è di circa 1,2 GB su console di nuova generazione e 1,4 GB su piattaforme old-gen. L’aggiunta più importante è rappresentata da due oggetti gratuiti tramite l’Animus Store.

Stiamo parlando del Bifröst Bundle contenente lo Shimmering Shield e l’Iridescent Axe (avete tempo fino al 26 luglio 2022 per poterli riscattare).

Inoltre, l’aggiornamento 1.5.3 contiene una tonnellata di correzioni di bug e miglioramenti per l’espansione L’Alba di Ragnarok e per le sfide Armory e Mastery.

Il download dell’update si avvierà in automatico una volta fatto partire il gioco con la console o il PC collegato regolarmente alla vostre rete internet.

Restando in tema, Assassin’s Creed Valhalla ha dimostrato come i titoli per giocatore singolo possono ancora riportare incassi davvero impressionanti, che poco non è.

Ma non solo: avete problemi a seguire le vicende degli Assassini attraverso tutta la saga Assassin’s Creed? Se la risposta è sì, sappiate che qualcuno ha deciso di creare il riepilogo definitivo, in modo da schiarirvi le idee..

Infine,  fan siano concordi nel dire che la serie non assomigli più a ciò che l’ha resa popolare nei primi anni: quale futuro ci potrebbe essere, quindi, per il franchise?