News 2 min

Silent Hill, una variante dimenticata riemerge dall’era PS1

Un fan si è messo alla ricerca dell'agognata versione speciale

Silent Hill non accenna a tornare con un nuovo capitolo e i fan non sanno più a quale speranza appigliarsi per quanto riguarda il franchise survival horror di Konami.

L’ultimo episodio della saga del publisher di Metal Gear Solid e Castlevania risale infatti a nove anni fa, e un discorso analogo vale per l’IP relativa ai cacciatori di vampiri, con l’ultimo Lords of Shadow 2 lanciato nel 2014.

Se avete voglia di nuovi contenuti che possano ricordarvi Silent Hill, assicuratevi di dare una possibilità a Critter for Sale, gioco in cinque episodi, con una prima parte riscattabile gratuitamente su Steam.

La notizia del rifiuto, da parte di Konami, del sequel di un capitolo molto amato non è particolarmente esaltante, anche se il progetto scartato è già diventato un altro gioco.

Adesso, grazie un post su Reddit, è possibile constatare (per chi ne fosse all’oscuro) che in origine esistevano ben due versioni del primissimo Silent Hill, lanciato nel 1999 su PS1.

L’analisi pubblicata dall’utente -_Gemini_- consente di fare luce su questo aspetto davvero curioso, e farà felici tutti i fan in attesa di nuovi contenuti sull’IP survival horror.

«Molti di voi sapranno che esistono due versioni di Silent Hill, una con l’originale bordo nero, e la variante Greatest Hits. Bene, questa è solo una parte della verità» recita l’incipit del post.

«Ultimamente», prosegue l’utente, «ho sentito parlare di un’ipotetica “prima edizione” del gioco e delle differenze che avrebbe rispetto alle altre».

«Cercando ulteriori dettagli mi sono imbattuto finalmente in un ritrovamento: ho scoperto che, all’epoca, alcuni giochi per PS1 avevano delle edizioni destinate ai preorder, che includevano dei manuali “brillanti” simili ad alcune carte di Magic The Gathering», ha aggiunto -_Gemini_-, avviandosi verso la conclusione.

«Ovviamente, non ho potuto fare a meno di acquistare una di queste copie e l’ho messa a confronto con una versione standard del gioco già in mio possesso».

Nell’immagine seguente, è possibile notare tutte le differenze:

La copia standard è quella a sinistra, mentre quella speciale è posizionata sulla destra. Stesso discorso per la foto inferiore: in alto l’edizione base e in basso la “variant“.

Come avrete notato, qualcosa salta subito all’occhio: malgrado si tratti di immagini statiche, è possibile notare una brillantezza nettamente maggiore nella copia destinata ai preorder (sia nel disco che nel manuale) con delle tonalità molto più scure sulla versione base.

I fan più fedeli del titolo del publisher di Metal Gear Solid non potranno assolutamente farsi sfuggire l’occasione di recuperare questo gioiellino e aggiungerlo alla loro collezione.

Se in seguito a questa interessante scoperta il vostro interesse per Silent Hill si è improvvisamente riacceso, potete ripassare l’ordine cronologico della saga e ripercorrere l’esatto andamento degli eventi.

Rimanendo in tema di capitoli nascosti ed edizioni misteriose, sapevate che un capitolo portatile ispirato a Silent Hill 2 è stato cancellato?

Ma (forse) non tutto è perduto: Konami ha recentemente anticipato alcune collaborazioni con studi esterni che potrebbero portare a un tanto inaspettato, quanto richiesto, ritorno della celebre saga.

Se gli horror sono la vostra passione e non avete ancora provato Bioshock, potete farlo approfittando dell’offerta di Amazon relativa a Bioshock  The Collection.