News 2 min

S.T.A.L.K.E.R. 2, colpo di scena dopo le polemiche: addio NFT e metaverso

Dopo le enormi proteste dei fan, S.T.A.L.K.E.R. 2 ha annunciato un passo indietro nei confronti degli NFT.

In pochissime ore è arrivato un clamoroso colpo di scena sull’inserimento degli NFT su S.T.A.L.K.E.R. 2, con gli sviluppatori che hanno appena annunciato di aver fatto un passo indietro sull’utilizzo di questa tecnologia.

I Token Non Fungibili avrebbero dovuto rappresentare, secondo gli sviluppatori, un modo per coinvolgere ancora di più gli utenti nel successo del loro prodotto, al punto che avrebbe dovuto rappresentare una sorta di metaverso per i fan di S.T.A.L.K.E.R. 2.

L’iniziale annuncio degli NFT non è stato recepito benissimo dagli utenti, come ampiamente prevedibile, dato che non è mai apparso realmente chiaro cosa rendesse davvero necessaria l’implementazione dei token.

Gli sviluppatori sui propri account social inizialmente avevano provato a spiegare le motivazioni dietro la loro scelta, ribadendo che sarebbero stati solo cambiamenti estetici e non avrebbero minimamente condizionato il gameplay.

Non è però valso a nulla l’iniziale intervento degli sviluppatori, bombardato subito da polemiche e proteste dei fan, al punto da costringere il team a rimuovere direttamente dai social l’annuncio ufficiale:

Pochi istanti più tardi, è diventato subito chiaro a fan e addetti ai lavori il motivo della cancellazione: dopo aver constatato l’incredibile pubblicità negativa ottenuta dagli NFT, il team di S.T.A.L.K.E.R. 2 ha deciso di abbandonare l’integrazione della tecnologia blockchain.

«Basandoci sul feedback che abbiamo ricevuto, abbiamo preso la decisione di cancellare tutti i contenuti legati agli NFT da S.T.A.L.K.E.R. 2.

L’interesse dei nostri fan e giocatori è la priorità assoluta per il nostro team. Stiamo creando questo gioco perché voi possiate godervelo — a qualunque costo. Se a voi importa, allora importa anche a noi».

Con questa nota affidata ai social media, GSC Game World ha deciso quindi di rinunciare a tutti gli effetti agli NFT, anche se dalla nota appare evidente che il ripensamento è arrivato solo in seguito alla reazione negativa dei fan, e non per gli aspetti negativi legati al suo utilizzo

Insomma, i fan contrari potranno dunque gioire per la rinuncia a questa tecnologia, anche se questo non vuol dire che non vedremo mai più i Token Non Fungibili nei videogiochi.

Dopo il successo ottenuto dagli NFT di Peter Molyneux, c’è infatti da scommettere che arriveranno tanti altri publisher che tenteranno di intraprendere questa strada: starà ai fan decidere, come in questo caso, se sarà davvero questo il futuro dei videogiochi.

Una delle prime aziende ad annunciare il fortissimo interesse nei confronti della tecnologia blockchain per i videogiochi è stata Ubisoft: pare però che nemmeno gli stessi sviluppatori abbiano capito come mai siano stati inseriti.

S.T.A.L.K.E.R. 2 sarà disponibile fin dal day-one gratis su Xbox Game Pass Ultimate: potete rinnovare l’abbonamento comodamente su Amazon.