PlayStation punta tutto su film e serie TV: «Chi non gioca deve accedere ai nostri contenuti»

Sony continuerà a investire fortemente su serie TV e film per conquistare anche gli utenti che non conoscono i videogiochi PlayStation.

Immagine di PlayStation punta tutto su film e serie TV: «Chi non gioca deve accedere ai nostri contenuti»
Avatar

a cura di Francesco Corica

Staff Writer

Sony ha intensificato negli ultimi mesi i suoi sforzi sugli adattamenti live-action delle IP PlayStation, con sforzi che sembrano essere stati decisamente ripagati dal grande pubblico.

L'intento della compagnia è infatti quello di arrivare a far conoscere le proprie IP anche a quel pubblico che potrebbe avere poca familiarità con i videogiochi e i franchise di maggior successo.

L'esempio probabilmente più clamoroso è The Last of Us: la serie tv di HBO si è rivelata un prodotto di qualità eccelsa, spingendo molte persone a provare l'avventura originale e il suo remake su PS5 (che trovate su Amazon).

Ma la serie di Naughty Dog non è stata certamente l'unica a ricevere questo trattamento: recentemente abbiamo visto per esempio al cinema i film di Gran Turismo e Uncharted, così come quest'anno è andata in onda anche la serie di Twisted Metal. Inoltre, sono previste serie TV di God of War e Horizon, oltre a un misterioso progetto d'animazione.

E sembra che Sony non abbia ancora alcuna intenzione di fermarsi qui: in un'intervista rilasciata a Nikkei, Hideaki Nishino di Sony ha infatti spiegato che l'importanza di adattamenti cinematografici e televisivi sta tutta nel riuscire a rendere popolari le IP PlayStation anche tra chi potrebbe non aver mai toccato una console (via PSU).

«È importante che chi non gioca possa accedere ai nostri contenuti, e speriamo di poter usare film e serie come opportunità per far provare loro i giochi PlayStation».

Nishino ha voluto usare proprio The Last of Us come esempio di come stia avendo successo questa iniziativa, sottolineando che da quando è andata in onda la serie di HBO le vendite dei videogiochi sono aumentate esponenzialmente.

Possiamo dunque aspettarci ulteriori investimenti per le divisioni cinematografiche e televisive, che hanno già dimostrato che c'è un ampio mercato per le IP PlayStation. Con conseguenti benefici anche per le vendite videoludiche stesse.

Restando in tema, la Stagione 2 di The Last of Us dovrebbe includere anche alcune scene tagliate di Part II, stando a quanto rivelato da Neil Druckmann. Tuttavia, ci sarà da aspettare per vederla in onda, dato che le riprese inizierebbero solo dal prossimo febbraio.