Marvel's Spider-Man 2, perché Venom è così diverso dai fumetti? Risponde Insomniac

Marvel's Spider-Man 2 ha proposto una sua interpretazione originale di Venom, ben diversa da quella vista nei fumetti: Insomniac ha spiegato il motivo.

Immagine di Marvel's Spider-Man 2, perché Venom è così diverso dai fumetti? Risponde Insomniac
Avatar

a cura di Francesco Corica

Staff Writer

Marvel's Spider-Man 2 si è rivelata un'avventura molto divertente per i fan dell'Uomo Ragno, ma a rubare la scena è stato indubbiamente Venom, uno dei più amati antagonisti dell'amichevole Spider-Man di quartiere.

L'influenza del simbionte su Peter Parker giocherà anche un ruolo fondamentale nella storia di Marvel's Spider-Man 2 (lo trovate su Amazon), così come nel suo nuovo ospite che si andrà a scontrare con l'amato supereroe.

Un'identità che però, come ben sapranno i fan che l'hanno giocato, è decisamente molto diversa dalla persona che solitamente diventerà Venom all'interno di fumetti, film e tanti altri adattamenti delle avventure di Spider-Man.

Per chiarire come mai sia stata fatta questa scelta, il narrative director Ben Arfmann ha approfondito ulteriormente la questione in un'intervista rilasciata a Gizmodo (via TheGamer).

Ovviamente troverete spoiler importanti sulla trama, dunque sconsigliamo di proseguire la lettura a chiunque non voglia avere rovinata la sorpresa.

Come ben sapranno i fan, questa volta non sarà Eddie Brock a tormentare Peter Parker e Miles Morales, ma una figura che molti utenti avevano già iniziato a sospettare dal precedente capitolo.

La trama di Marvel's Spider-Man 2 ci rivelerà che questa volta, Venom non è altri che Harry Osborn: Ben Arfmann ha spiegato di aver analizzato approfonditamente tante altre versioni del villain e antieroe, ma che per la storia che volevano raccontare questa era l'unica scelta possibile.

«Potete vedere influenze da altre storie [...] ma mentre stavamo raccontando la nostra, pensavamo solo al nostro Harry Osborn e a Peter Parker, e abbiamo cercato di capire come metterli in questa rotta di collisione che avrebbe sfidato entrambi a livello emotivo.

Adoriamo il Venom di Eddie [Brock] e volevamo raccontare la nostra storia — una che fosse unica e interessante, ma anche basata sulla narrazione che avevamo costruito».

Il narrative director ha spiegato di aver deciso fin da subito che la storia doveva avere Venom come antagonista centrale, ma che per rendere la storia personale e drammatica, Harry Osborn era l'unico personaggio che era possibile scegliere.

Anche se la battaglia finale si è rivelata certamente carica di emozioni, molti fan avevano comunque commentato di esserne rimasti delusi a livello di gameplay.

Vedremo se ci sarà l'opportunità di approfondire questo antieroe così carismatico, magari in uno spin-off dedicato.

Se siete curiosi di saperne di più su questo amatissimo personaggio di casa Marvel, abbiamo ripercorso tutta la sua storia in uno speciale dedicato.