News 2 min

Mafia 4 potrebbe essere un open world ambientato in Italia

La Sicilia del 1900 ci aspetta.

Mafia è una serie piuttosto apprezzata dal pubblico e della critica, nonostante con gli anni abbia perso parte del clamore generato al lancio: ora, si inizia a parlare del quarto capitolo ufficiale.

Mafia Definitive Edition, che potete recuperare su Amazon a ottimo prezzo, ha infatti dimostrato che la saga è ancora in grado di farsi piacere.

Il remake uscito circa due anni fa è stato infatti un regalo davvero gradito tanto da apparire come ‘un assaggio di next-gen’ agli occhi di alcuni addetti ai lavori.

Ora, dopo la conferma che un Mafia 4 si farà, arrivano ora nuove e interessanti indiscrezioni sulla trama e i personaggi del gioco, inclusa l’ambientazione principale.

Secondo quanto riferito anche da The Gamer, Mafia 4 di Hangar 13 potrebbe essere ambientato nella Sicilia del 1900, vedendo anche il ritorno di un personaggio familiare.

L’insider Nick Baker durante l’ultimo podcast di XboxEra ha infatti ribadito che il gioco sarà un prequel del primo capitolo di Illusion Softworks e del recente remake di Hangar 13.

Il nuovo progetto sarà ambientato circa 30 anni prima degli eventi accaduti nella città di Lost Heaven, offrendo la grande isola italiana tutta da esplorare.

I fan della serie hanno già visitato la regione in Mafia 2, ma solo per una singola missione: durante il prologo del gioco, vediamo infatti Vito Scaletta prendere parte alle operazioni militari nel sud Italia nel 1943.

Questa volta, invece, si potrà pare esplorare liberamente la celebre regione a cavallo del ventesimo secolo, offrendo di fatto un open world unico nel suo genere, in Unreal Engine 5.

Baker sostiene anche che Mafia 4 seguirà la storia dell’ascesa della famiglia Salieri, compresa l’importante apparizione del giovane Ennio. Infine, il nuovo capitolo manterrà in ogni caso la classica struttura delle missioni vista in Mafia 2 e Mafia: Definitive Edition.

Proprio sul remake del primo capitolo potete saperne di più recuperando la nostra recensione che trovate sulle pagine di SpazioGames.