News 2 min

L’Arabia Saudita mette le mani su Nintendo, dopo Take-Two e EA

Il fondo sovrano dell'Arabia Saudita ha acquisito il 5% di Nintendo.

Il fondo sovrano dell’Arabia Saudita continua a dimostrarsi fortemente interessato al mercato del gaming, portando a segno un altro importantissimo investimento con cifre importanti, questa volta mettendo nel mirino Nintendo.

La casa di Nintendo Switch (potete acquistare il modello OLED in offerta su Amazon) ha infatti venduto il 5.01% delle proprie azioni al Public Investment Fund, il fondo sovrano locale dell’Arabia Saudita.

La notizia arriva tramite un report di Bloomberg, che segnala come questa operazione, non appena sarà finalizzata, renderà il fondo il quinto maggior investitore di Nintendo.

Non si tratta dell’unico maxi investimento adoperato nel settore videoludico, dato che il fondo aveva già investito precedentemente anche in altre importantissime aziende come Activision, Take-Two ed Electronic Arts.

Si tratta inoltre della terza volta che il PIF strizza l’occhio al mercato videoludico giapponese: Bloomberg ricorda infatti che in precedenza il fondo ha completato investimenti anche per Capcom e per Nexon Co, compagnia specializzata nei giochi online.

L’investimento fa parte di una precisa strategia da parte dell’Arabia Saudita, che punta a diversificare gli interessi del paese al di fuori dall’industria petrolifera, individuando nel gaming e negli eSports evidentemente un settore in forte crescita su cui puntare.

L’analista Hideki Yasuda ha infatti commentato che l’interesse nel mercato giapponese non sarebbe poi casuale: l’Arabia Saudita starebbe puntando a creare una propria «content industry» e gli investimenti in aziende come Capcom e Nintendo rappresenterebbero un’ottima opportunità per studiare il settore più da vicino.

Attualmente Nintendo si è rifiutata di commentare la notizia: al momento non sono state svelate le cifre vere e proprie dell’operazione, ma dato il valore della compagnia e la potenza economica del fondo il suo impatto non potrà essere sottovalutato.

Il gaming diventa dunque sempre più internazionale, dopo l’incredibile crescita del mercato cinese grazie a colossi come Tencent, che proprio lo scorso anno ha acquisito lo studio di un’esclusiva Switch.

Un mercato che, come sottolineavamo, è in costante crescita e attira l’attenzione dei fan anche grazie a produzioni come Black Myth Wukong: vedremo se gli investimenti dell’Arabia Saudita porteranno in futuro a risultati simili.