News 1 min

Google Stadia, Digital Foundry: qualità e latenza impressionano, ma troppi contro oggi

Vi abbiamo mostrato le nostre impressioni su Google Stadia, e fornito i pareri della stampa internazionale circa la piattaforma di streaming in uscita domani

Vi abbiamo mostrato le nostre impressioni su Google Stadia, e fornito i pareri della stampa internazionale circa la piattaforma di streaming in uscita domani.

Per ulteriori indicazioni sulla questione tecnica, ci affidiamo a Digital Foundry che ha elencato una serie di pro (pochi) e contro (molti, o perlomeno di più) che ne accompagneranno l’uscita.

A detta di Richard Leadbetter di DF, “come statement tecnologico, Stadia impressiona con la qualità dell’immagine e la latenza migliori che abbia visto da una piattaforma di streaming”.

Tuttavia, Leadbetter osserva che c’è tanto margine di “miglioramento da una prospettiva della stabilità” dal momento che si verificano “interruzioni dell’audio e risoluzioni traballanti comuni sulla mia connessione in fibra e persino su una 200mbps ho avuto rallentamenti molto occasionali”.

Suscita perplessità l’offerta contenutistica, inoltre, dal momento che Stadia richiede un abbonamento premium per il 4K “anche se i titoli chiave non sembrano renderizzare in 4K” ma c’è anche la necessità, in aggiunta, di pagare quei titoli a prezzo pieno per goderne.

Questo, “in combinazione con la sensazione che la piattaforma e l’ecosistema sono ancora distanti dal completamento e che forse è troppo presto perché Stadia esca come servizio completo”, rende il giudizio non troppo positivo.

Voi che ne pensate, vi aspettavate un’accoglienza del genere?