News 1 min

GameStop è ancora nei guai: nuove perdite e store chiusi nel Q2

Il COVID-19 ha fatto danni, ma il board sottolinea perdite sotto le aspettative

I guai per GameStop, uno dei player più importanti nella scena videoludica, sembrano essere lontani dal trovare soluzione.

La nota catena di vendita ha registrato un -26,7% negli introiti nel Q2 2020 rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

La compagnia ha segnato soltanto $942 milioni di entrate nette, in un periodo contraddistinto dal COVID-19, il cui impatto abbiamo recentemente indagato con un dietro le quinte della riapertura, e da una ristrutturazione che va avanti da anni.

Tuttavia, il CEO George Sherman ha sottolineato che questi dati sono al di sopra delle aspettative del board.

«I risultati superano le nostre aspettative persino con le chiusure temporanee dei nostri store a causa del COVID-19, che hanno portato a -13% di giorni di lavoro dei negozi rispetto al secondo trimestre dello scorso anno, e su una base annuale avevamo il 10% di store in meno in tutto il mondo».

Sherman non ha mancato di rimarcare come siamo giunti agli ultimi mesi del ciclo vitale di PS4 e Xbox One, e che dunque GameStop stia aspettando con ansia l’arrivo delle nuove console per rimpolpare le proprie vendite.

Non a caso PlayStation 5 e Xbox Series X saranno accolte da un ambizioso piano di trade-in per incentivare gli utenti a compiere in fretta il grande salto.

Nell’attesa, altri store verranno chiusi – si stima tra i 400 e i 450 – in tutto il mondo prima della fine dell’anno.

Se volete tenervi pronti per l’apertura dei pre-ordini di PS5, fate riferimento alla pagina dedicata dal rivenditore Amazon.