News 2 min

EA sta per spegnere i server di 11 giochi, per sempre (e ci sono big)

EA sta per staccare ufficialmente la spina a 11 giochi: ci sono anche Mirror's Edge e Command & Conquer

EA ha annunciato che nei prossimi giorni chiuderà definitivamente i server di 11 giochi, interrompendo dunque il supporto alle feature online e, in alcuni casi, rendendo permanentemente inaccessibile il multiplayer.

Tra i nuovi nomi presenti nella lista non mancano poi i titoli di spessore: tra questi segnaliamo infatti ad esempio Mirror’s Edge, il primo capitolo di Faith Connors giocabile anche su Xbox Game Pass Ultimate (lo trovate in sconto su Amazon) o ben 3 episodi della serie Command & Conquer.

Come riportato da Pure Xbox, la decisione è stata presa a causa di una base di utenti attiva ormai estremamente ridotta nel tempo, anche a meno dell’1%: trattandosi infatti di titoli che presentano diversi anni alle spalle, EA ha stabilito che non valesse più la pena di tenere i server attivi per funzionalità ormai utilizzate per puro caso.

Le date di chiusura dei server varieranno in base al titolo scelto, dando così in alcuni casi tutto il tempo necessario agli utenti per poter provare tute le funzionalità online prima della loro imminente chiusura.

Di seguito vi riporteremo dunque la lista completa con tutti i giochi che EA sta per abbandonare definitivamente, inclusa l’effettiva data in cui avverrà lo spegnimento dei server:

  • Army of Two: The 40th Day (20 ottobre 2022)
  • Army of Two: The Devil’s Cartel (20 ottobre 2022)
  • Command & Conquer: Red Alert 3 (9 novembre 2022)
  • Command & Conquer 3: Tiberium Wars (9 novembre 2022)
  • Command & Conquer 3: Kane’s Wrath (9 novembre 2022)
  • Mercenaries 2: World in Flames (9 novembre 2022)
  • Onrush (30 novembre 2022)
  • Gatling Gears (19 gennaio 2023)
  • Mirror’s Edge (19 gennaio 2023)
  • NBA Jam: On Fire Edition (19 gennaio 2023)
  • Shank 2 (19 gennaio 2023)

EA ha inoltre segnalato che dal 20 ottobre 2022 saranno spenti anche i server dedicati agli screenshot MP di Dragon Age Origins, tuttavia le altre funzionalità online di questo titolo continueranno a essere disponibili, almeno per il momento.

Se nella lista completa dovesse esserci uno o più titoli di vostro interesse, il nostro consiglio è dunque quello di organizzarvi per provare tutte le feature disponibili prima che sia ufficialmente troppo tardi.

Curiosamente, non si tratta dell’unico addio annunciato dalla compagnia negli ultimi giorni: EA ha infatti abbandonato definitivamente Origin, svelando la sua nuova app ufficiale.

Restando in tema, nelle scorse giornate abbiamo avuto modo di fare una lunga chiacchierata con la vice-presidentessa della divisione People Practices di EA, che ci ha spiegato l’importanza di far esprimere i talenti.

Per quanto riguarda invece le nuove uscite della compagnia, una delle più attese è sicuramente il remake di Dead Space: ve ne abbiamo parlato approfonditamente nella nostra anteprima.