News 2 min

C’è un gioco gratis che è considerato un «rischio militare», letteralmente

Com'è possibile che un titolo offerto gratis possa rappresentare un vero rischio per la sicurezza militare? È accaduto a War Thunder.

Il gioco di simulazione militare free-to-play War Thunder, a quanto pare, è responsabile di così tanti segreti militari trapelati che giocarci è considerato un comportamento rischioso.

A differenza di giochi come Call of Duty, che trovate anche su Amazon, parlare di guerra in un videogame non è infatti sempre cosa facile.

La rivelazione su War Thunder, condivisa su Twitter da Matt, Dad Hat Enthusiast (via Games Radar), è stata inizialmente pubblicata sul subreddit del gioco dall’utente ‘Nafuwu’.

Com’è possibile, tuttavia, che un titolo – per lo più offerto in forma gratuita – possa rappresentare un vero e proprio rischio per la sicurezza militare?

L’utente Reddit ha spiegato che, dopo che un suo amico ha ottenuto un lavoro presso un’azienda di difesa, ha ricevuto una telefonata da un soggetto non meglio identificato che avrebbe effettuato un controllo sul suo passato.

Dopo aver risposto ad alcune domande di routine, del tipo «è disposto a rovesciare il governo?», Nafuwu ha reso noto che che gli è stato chiesto anche se «gioca a War Thunder?».

Ecco, quindi, che War Thunder figura essere di fatto un rischio per la sicurezza nazionale, in un certo qual senso. Questo impedirà ai giocatori di condividere informazioni segrete? Probabilmente no.

La settimana scorsa, un giocatore di War Thunder ha condiviso sui forum del gioco documenti riservati dell’intelligence militare sul caccia F-16 per avere la meglio in una discussione.

Ma non è tutto: appena un giorno dopo, il 18 gennaio, è accaduta pressappoco la stessa cosa: l’informazione classificata riguardava il caccia F-15 Strike Eagle e, anche in questo caso, è stata condivisa semplicemente per risolvere una disputa online.

Restando più o meno in tema, mesi fa lo studio del videogioco Arma 3 ha affermato che i filmati del gioco sono stati usati per diffondere notizie false sulla guerra in Ucraina.

Infine, ricordiamo che la crisi generata dal conflitto in Ucraina ha coinvolto purtroppo anche molti team di sviluppo: tra questi ci sono anche gli autori di Replaced.