News 2 min

Addio PS5, i bagarini hanno due nuovi obiettivi: Pokémon e biscotti

Stiamo scherzando o facciamo sul serio?

Tra le piaghe che affliggono i videogiocatori non c’è solo quella dell’irreperibilità di PS5 e Xbox Series X, ma anche quella dei bagarini, pronti a lucrare il più possibile su tutti i prodotti molto ambiti.

Se gli utenti Microsoft possono rifarsi con una Xbox Series S, lo stesso non si può dire per i fan di Sony, disperatamente alla ricerca di una PS5. Adesso, nuovi “guai” arrivano anche per i collezionisti appassionati di Pokémon.

Malgrado le oggettive difficoltà nel portarsi a casa una console next-gen, sembra che qualcosa si stia finalmente muovendo in merito agli introiti dei rivenditori abusivi, con degli incassi calati del 30%.

Nemmeno Steam Deck, l’ibrida di Valve annunciata a luglio, è riuscita a sottrarsi alle loro grinfie, nonostante la strategia di protezione messa in piedi dall’azienda statunitense.

La nuova follia che vede protagonisti Pokémon e bagarini riguarda gli Oreo, i famosi biscotti disponibili anche in Italia e recentemente commercializzati in una versione dedicata ai mostriciattoli più famosi del mondo.

Ebbene sì, stavolta non parliamo di console next-gen in edizione standard o limitata, ma di semplici biscotti al cioccolato farciti di vaniglia che raffigurano Mew.

bagarini non devono aver esitato nemmeno un secondo quando la collaborazione tra Oreo e Pokémon è stata lanciata sul mercato, e probabilmente molti di loro hanno acquistato interi stock di biscotti.

Biscotti che sono appena apparsi su eBay a prezzi totalmente folli e ingiustificabili, che nessuno (si spera) sarebbe disposto a spendere per portarsi a casa una merce deperibile.

Eppure è tutto vero. Potete trovare le prove nella foto qui sotto, riportata anche da TheGamer, che mostra la pura e semplice realtà dei fatti:

C’è chi sta tentando di vendere un Oreo che raffigura Mew al prezzo di 9.000 dollari (circa 7.670 euro), e chi invece si “limita” a proporlo a cifre che vanno tra i 900 e i 1.000.

In ogni caso si tratta di cifre ingiustificabili sia per il rapporto qualità-prezzo (si tratta pur sempre di biscotti) sia per la quantità di merce presente sul mercato. Se è vero che si tratta di una Limited Edition, è anche vero che le confezioni prodotte non sembrano essere poche, anzi.

Augurandovi di non cadere in questo assurdo tranello, vi ricordiamo che su Pokémon Unite sono arrivate importanti novità in materia di pay-to-win.

Non è la prima volta che il brand ispira azioni dalla dubbia moralità: solo ieri un ragazzo ha subito un’aggressione con finalità di rapina dopo aver comprato un box di carte.

Se carte e biscotti vi interessano poco e preferite dedicarvi quotidianamente a Pokémon Go, fate attenzione a una specifica evoluzione, che potrebbe rivelarsi impossibile senza una feature.

In attesa di Leggende Pokémon Arceus, potete preordinare Diamante Lucente e Perla Splendente al prezzo proposto da Amazon.